LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ivan Pozzoni
L.s.d.

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Nella calura ardente come forno crematorio

di un martedì sottratto alle noie invernali di assiderati

sets aziendali, mi libro fuori dal “mondo seduto”,

senza nessuna remora allergica,

tra gli arbusti sempreverdi della mia giovinezza,

nutrendo bulimici corvi

ridendo alle farfalle bianche d’insonnia,

alternando poesie ed integratori al lampone.

 

La mia assenza da Buddha smagrito

nella ricerca smarrita d’un elemosina d’amore

si materializza, elettrica, tra le braccia della tua sofferenza,

del tuo terrore d’essere inadeguata

ai conflitti logoranti d’un certificato medico reiterato.

 

E tu, bambina fradicia di lacrime

versate nelle notti mortuarie dei locali milanesi alla moda,

ascolti i miei canti ti addormenti, gattina feroce,

al suono aspro dei miei schiamazzi metrici,

senti i battiti dei miei tasti sulle zone erogene del tuo cervello;

dici che io, unico, ferramenta pazzo,

possiedo una copia del lucchetto arrugginito della tua anima.

 

Pur se smarrito, vichingo infranto su barriere coralline,

mi fingo cicatrice, deturpo, coi miei versi claudicanti

da mendicante ubriaco, la bellezza androgina dei tuoi seni,

e sgrano in selvatica solitudine questo rosario di denti,

i tuoi, che appesi al collo delle mie sconfitte, addentano,

con vorace parsimonia, i miei cento cuori.

 

[Riserva indiana, 2007]

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.