LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giovanni Rossato
Mi piego verso la terra

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Mi piego verso la terra

 

Mi piego verso la terra

finché mi riesce

animo da contadino,

 

accarezzano le spighe

le punte delle mie dita

saranno grano,

farina,

pane;

mentre io,

fatica,

sarò

carburante per l’eternità,

 

ora che sento,

ora che sento col cuore

quanto mi parla

non ho speranza di capire

non io.

 Rosa Maria Cantatore - 29/06/2019 11:20:00 [ leggi altri commenti di Rosa Maria Cantatore » ]

noi tutti dovremmo piegarci verso la terra a renderle quell’onore, che le è dovuto.

Tu l’hai fatto, con questi versi, nei quali vibra un desiderio immenso: senza nome.

O forse, troppi- che urgono sulle labbra, nel cuore.

 Sara Cristofori - 28/06/2019 18:48:00 [ leggi altri commenti di Sara Cristofori » ]

si arriva ad ascoltare il cuore troppo spesso solo quando è ormai tardi... molto bella

 Salvatore Pizzo - 28/06/2019 18:10:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Una chiusa che mi riempie di interrogativi, mio caro Giovanni: davvero il sentire il cuore parlarci ci riuscirà incomprensibile, quando avremo la sensibilità di comprendere che ci sta parlando? Eppure sono così belli questi tuoi versi. Li sento così intensi, forti di quelle emozioni che, solo il contatto con la natura, è in grado di comunicarci...Ma, forse, quel"non ho speranza di capire", andrebbe interpretato come"esser giunti tardivamente", alla consapevolezza di come la carezza alle spighe sia un gesto che molto dice di noi, del nostro essere natura ed umani allo stesso tempo.
Complimenti
ciao

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.