LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Loredana Savelli
il maestro e la ballerina

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

La vita è fuggita

su zampe di cerbiatto -

calpestava pianissimo

un cerchio insufficiente

con tempo imperfetto.

Ciò che la musica anticipava,

i corpi aspettavano

la fuga.

 

Dionisi disillusi

intrecciati nelle corde

imperterriti nella bufera:

il maestro e la ballerina

 

 

 

(ispirata ad una poesia di Mario Luzi, pubblicata oggi sul sito http://www.larecherche.it/testo.asp?Tabella=Proposta_Poesia&Id=1483)

 

 Censa Cucco - 27/02/2012 09:11:00 [ leggi altri commenti di Censa Cucco » ]

è una favola, una foto, immagini che si susseguono lasciando senza fiato su quel ghiacciando finale. Immagini misteriose e affascinanti ma infine è una coppia la ballerina disillusa e il violino zigano che mai si ferma ad affascinare la folla e chi legge.

 Leonora Lusin - 27/02/2012 08:53:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Cadenze davvero ghiacciate per questa originale poesia. Ciao Loredana!

 Nando - 26/02/2012 19:28:00 [ leggi altri commenti di Nando » ]

Non penso Lory che le idee ti vengano da altri (è anche vero), penso che tu abbia dentro di te un’Idea, che a volte percepisci più chiara e a volte attende sì l’idea di altri, ma per divertirsi a "mascherarsi" ed esprimersi confondendosi nelle voci. E’ questa Idea
che ti abita ad essere Poesia e poesie.
A chi ti legge, il gusto di continue scoperte.

Un saluto

 Loredana Savelli - 26/02/2012 19:11:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Volevo aggiungere grazie a tutti.
E a Giacomo che qualcosa di autobiografico c’è.

Ciao

 Loredana Savelli - 26/02/2012 18:56:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

a Lorenzo.
Be’, proprio quell’immagine non è mia... però ho citato la fonte!
E’ che le idee mi vengono dagli altri...

Ciao e grazie

 Lorenzo Mullon - 26/02/2012 18:47:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Mullon » ]

Bello, lo scoppio della melagrana

 Giacomo Colosio - 26/02/2012 16:31:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Sì, credo che l’interpretazione di Cristina abia un grande valore...ci sono metafore ed immagini allegoriche che potrebbero venire da un vissuto personale o anche una semplice osservazione fantasiosa di un quadro, un disegno, una scena. di sicuro la poesia è ben strutturata e coinvolge...a mio avviso molto introspettiva, anche se non autobiografica. ciaociao

 Silvia De Angelis - 26/02/2012 14:02:00 [ leggi altri commenti di Silvia De Angelis » ]

Un’atmosfera particolare e insolita resa tale da sguardi ed emozioni...
in un contesto di danza. Ottimo stile poetico e intensa musicalità

 cristina bizzarri - 26/02/2012 12:58:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

La dovrei rileggere più volte. Ci sono immagini direi allegoriche che si rincorrono su "zampe di cerbiatto". "l’hanno vista calpestare la terra" ha un sapore profetico, di annuncio lontano che confonde chi ascolta perché non sa bene dove rivolgersi, e a chi. Quei "dionisi disillusi" che attendono la musica"aderenti aun intreccio di corde" è davvero una splendida metafora.

 Carla de Falco - 26/02/2012 12:05:00 [ leggi altri commenti di Carla de Falco » ]

io l’ho trovata bellissima.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.