LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Loredana Savelli
L’astronave

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Il momento in cui s’intravede la felicità 

sottoforma di una grande astronave
senza maniglie per appoggiarsi.
La fuga  – il primo fosti tu – .
Un modo per prendere le distanze dall'abbaglio
che scioglieva i confini dello spazio.
Il problema era: averla “a disposizione”. 
La bellezza. Nella totale arrendevolezza

dell’atmosfera. Morbida come burro.
Pioveva pochissimo, e sempre a comando.
Il sole creava riverberi

che impreziosivano i nostri occhi.
I miei erano più chiari,
i tuoi si celavano dietro ciglia più folte.
Ma è probabile fosse timidezza.
La fuga, dunque. 
Metodo infallibile per sentirsi coraggiosi,
la paura alle spalle.
Poter dire: ho scelto la libertà.
Dopo fuggii io. 
Convinta di aver scelto non la libertà,

ma un Ruolo.
(Usavo le maiuscole con disinvoltura,
prima di decidermi a livellare tutto.)
Ogni fuga è centrifuga.
Nel nostro caso, 

in orbita equidistanti dal centro.

Agli antipodi,
ma geometricamente simmetrici.
Un modo per non perderci di vista,
forse.
Cos’è stato il passaggio ad ovest,
come un graffio sul volto?




* esperimento di prosa poetica 

 Leonora Lusin - 10/07/2012 14:40:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

La prima cosa che ho notato era la presenza della punteggiatura.
Prosa poetica? In tal caso mi sarei aspettata un diverso uso dello spazio. In ogni caso mi è piaciuta molto e in modo speciale questa stanza
"Pioveva pochissimo,
e sempre a comando.
Il sole creava riverberi
che impreziosivano i nostri occhi.
I miei erano più chiari,
i tuoi si celavano dietro ciglia più folte.
Ma è probabile fosse timidezza."

 cristina bizzarri - 08/07/2012 22:58:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Adesso ho capito Lory. Grazie, e buona notte.

 Loredana Savelli - 08/07/2012 22:40:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Grazie Cristina!
Devo ammettere che questo testo è meno costruito di quanto possa sembrare, è cioè una scrittura molto interiore e spontanea.
Il "lui" in questione ha paura proprio della libertà, di certi sconfinamenti non preventivabili. Ne ha paura.

Grazie, davvero. T.v.b.

 cristina bizzarri - 08/07/2012 22:33:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Mi piace molto, anche se all’inizio mi ha spiazzata. Trovo la similitudine originale e sorprendente. Nella seconda strofa troverei più logico dire che NON scioglieva, dato che mi sembra che, da parte di lui, si tratti di fuggire da confini forse troppo delimitati. Ma non so, forse non ho capito. Mi ricorda "Casa di bambola", ma anche "La donna del mare" (io la sento molto!!!),e, al femminile, la meravigliosa figura di zio Vanja - nel monologo finale della nipote.

 Loredana Savelli - 08/07/2012 21:39:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

e grazie a Titti!

 Loredana Savelli - 08/07/2012 21:35:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

A Nando.
Sono io che ho da farmi perdonare di sottoporvi i miei scritti.
In questo caso è proprio un esperimento, perché ho cominciato a scrivere qualcosa che assomigia ad una prosa, a un ragionamento un po’ assurdo o a una pagina di diario, poi ho voluto dare la forma della poesia e ho cercato di creare un ritmo.
Ma non so:
1. se il contenuto risulta convincente
2. se il risultato formale se ne avvantaggia.

Grazie comunque di esserci, grazie anche a Domenico, perché in caso contrario questi esperimenti sarebbero totamente sterili.

 Titti Ferrando - Alleluhia - - 08/07/2012 21:28:00 [ leggi altri commenti di Titti Ferrando - Alleluhia - » ]

A me è piaciuta, Loredana, anche se in fase sperimentale la trovo ben riuscita. Letta con piacere, a presto.

 Ferdinando Battaglia - 08/07/2012 21:10:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

(Non vorrei dire fesserie...)

Sempre di ottima tensione costruttiva, raggiunge un buon risultato formale, tuttavia, fatti salvi alcuni brevissimi tratti, la "vivo" come la meno "savelliana" delle tue; ad ogni modo, è giusta. seanche ne fosse questa l’origine, la fase più sperimentale.

Ciao Lory

ps. Perdonami, probabilmente sono un affezionato "conservatore".

 Domenico Morana - 08/07/2012 19:49:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

E’ un sorriso! La trovo appropriatissima così.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.