LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Loredana Savelli
Quasi un mito

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Un fruscìo, sopra e sotto la terra,
l’onda si gonfia fino al morbido schianto. 
La luce fa il suo corso poi si consegna.
E fu sera e fu mattina.


Siamo le mani di un Dio annoiato,
la sua m’bira* e il suo canto 
immenso.

 

 

 

 

 



*riferimento ad un mito cosmogonico africano: Dio, annoiato, riceve dall’Immaginazione il consiglio di costruirsi una m’bira (o sanza) e così, ad ogni suono emesso, si origina un elemento o una creatura.

 

 

 Alessandra Ponticelli Conti - 03/07/2013 13:21:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Un mito personale e suggestivo della creazione. Anzi, "quasi un mito" perché avvertito intimamente e in una condizione, forse, di dormiveglia o comunque di risveglio, quando si perde la cognizione del tempo: "e fu sera e fu mattina". E in questo abbandonarsi, la percezione di non essere altro che creature nate per caso dall’immaginazione di un Dio annoiato.
Davvero molto bella, Loredana. (Mi auguro di avere compreso, almeno un po’, il senso della poesia!)
Un caro saluto
Alessandra

 Fiammetta Lucattini - 02/07/2013 08:40:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta Lucattini » ]

Contemporaneamente lieve ed incisiva.
Abbracci.

 Leonora Lusin - 02/07/2013 00:28:00 [ leggi altri commenti di Leonora Lusin » ]

Ha davvero la dolcezza dei miti antichi di popolazioni remote...

 Domenico Morana - 01/07/2013 22:22:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Mi fa star meglio. Un mito della Cerca che scrive una poesia così, come passeggiando serena su un crinale. Adoro il suono della m’bira.
Fa tanto Henri Michaux per me.

Bella, bella poesia, veramente, e che inquieta serenità!
Ciao Loredana

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.