LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Alfonso Lentini
Dolòmie parlanti

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Poesie oggettuali di Alfonso Lentini.

Installazione nellevento: L=mc2, Montagna contemporanea nel quadrato


A cura di Vito Vecellio, Lorenzago di Cadore, 9/17 giugno 2012

 

*

 

Se le rocce delle Dolomiti potessero parlare, come si esprimerebbero? Che scritture, che alieni alfabeti le attraverserebbero?

Le montagne sono croce-vie, vie di croci, incroci di dolore e speranza.

Poste a segnare confini, sono anche luoghi di transito e incontro. Invitano ad aspri passaggi, varchi perigliosi. Narrano incontri con la differenza.

Proiettate verso la stratosfera, sono interfacce fra regioni e culture diverse. Avventurieri di ogni risma, clandestini, soldati, barbari, folli, anacoreti, ribelli, sognatori le hanno percorse nei secoli e nei millenni. Popolate da esseri fiabeschi, animali leggendari, fantasmi, forse hanno visioni metafisiche.

Se le Dolomiti potessero parlare, parlerebbero attraverso mille lingue e mille alfabeti, avrebbero voce babelica, intonerebbero un coro irrequieto e dissonante per dar vita a un racconto plurale.




 Oronzo Liuzzi - 07/07/2012 16:06:00 [ leggi altri commenti di Oronzo Liuzzi » ]

Complimenti Alfonso per la tua intensa e profonda poesia visiva realizzata con la scrittura della natura. La pietra ci racconta e si racconta!! E’ un sollievo per la nostra memoria.

 Antonio De marchi-Gherini - 03/07/2012 20:52:00 [ leggi altri commenti di Antonio De marchi-Gherini » ]

Dare voce o segni a chi vecchio quanto la terra, anzi la terra stessa, intuito e capacit solo dei veri artisti o poeti totali e Alfonso Lentini lo .

 Liliana Ugolini - 03/07/2012 17:12:00 [ leggi altri commenti di Liliana Ugolini » ]

Caro Alfonso, percepisco nella tua opera il silenzio grande delle montagne che parla perch denso di messaggi. Le pietre che tu mostri appese, legate, ammassate hanno segni di storie calme e violente ed hanno anche l’immenso silenzio attonito dell’umanit. Sai sempre stupirci...

 Mariella Bettarini - 03/07/2012 16:02:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Caro Alfonso,

bellissima questa tua opera, questo intenso "connubio" uomo-natura, pietra-pensiero, che rende davvero presente l’emozione "dolomitica"...
Un sentito augurio e saluto dall’amica Mariella

 Leopoldo Attolico - 03/07/2012 12:24:00 [ leggi altri commenti di Leopoldo Attolico » ]

Come sempre nei lavori di Alfonso la valenza della rappresentazione interlocutoria : parte dal fascino del grandioso per pervenire a suggestioni minimali in un gioco di rimandi dove anche l’inerzia della materia sembra avere un’anima .

 Loredana Savelli - 02/07/2012 21:56:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Non solo pietre, ma corpi vivi e parlanti. Nell’inamovibilit, imploranti; nel silenzio del tempo, sapienti.
Davvero suggestivo questo omaggio alle Dolomiti e all’uomo che, da sempre, mentre le valica, cerca di carpire il loro mistero: se stesso.

Un grande saluto allo splendido Cadore!

 Gloria Baldazzi - 02/07/2012 13:13:00 [ leggi altri commenti di Gloria Baldazzi » ]

Molto bella la riflessione sui percorsi fatti dall’uomo in millenni di storia-Mi piace! Gloria Baldazzi

 gloria baldazzi - 02/07/2012 13:11:00 [ leggi altri commenti di gloria baldazzi » ]

E’ incredibile la riflessione fatta sui percorsi dell’uomo. Mi piace
!
Gloria Baldazzi

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.