LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Redazione LaRecherche.it
Può darsi... - inedito

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Può darsi

che mentre cammino

a saltelli diseguali

un cedimento

un'ammissione

mi prenda

inconsapevole

 

Ma non mi accorga

di quel filo d'acciaio

a cui s'agganciano le carni vive

a distrarre il sangue

dalla testa

 

Nell'orrida visione dell'abisso

m'affonda il cor

o quel che resta


 Luciana Riommi Baldaccini - 16/08/2012 23:49:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

eppure quelle due parole tronche... così apparentemente incongrue con il resto, mi suonano molto significative: un attimo prima è intervenuto qualcosa di molto doloroso "a distrarre il sangue dalla testa", dalla coscienza, dalla razionalità, dal suo linguaggio abituale...

 Maria Musik - 14/08/2012 16:40:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Trovo questa poesia molto bella. E mi piace proprio quella chiusa e quei due lemmi tronchi a riportare un alito di dolcezza che, come un bianco lenzuolo, va a coprire, pietosa, la carne esposta, il sangue e gli occhi puntati sull’orrida visione.

 Narda Fattori - 14/08/2012 08:45:00 [ leggi altri commenti di Narda Fattori » ]

E’ una poesia che sa d’incompiutezza..., non capisco il finale, con le parole troche. Eppure l’idea generale che la sorregge è forte per buoni versi. Considera il mio intervento critico solo uno stimolo, perché credo che tu sappia scrivere con buona penna.

 Domenico Morana - 13/08/2012 19:14:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

C’è un bellissimo testo di Artaud... Gli argani del sangue.
In Succubi e Supplizi, credo. Anche lì qualcosa che agganciato alla viva carne la strappa...
E’ una bella poesia Roberto. Ma con un desiderio di incompiutezza.
Osa! Sei più che pronto.
Ciao Yanez
;-)

 Loredana Savelli - 13/08/2012 08:55:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Potenza evocativa!
Quel filo d’acciaio mi suggerisce il senso di un appiglio estremo, al limite della disperazione. Non accorgersene potrebbe essere fatale. Ma le cani "vive" mi tranquillizzano. Come il fatto che si tratti (soltanto) di una visione.
Gran bella poesia, le immagini sono nette, quasi espressioniste.
Un saluto.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.