LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Lorena Turri
Leggi una donna

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

UN RIFUGIO SOLTANTO

 

Natale viene sempre silenzioso

e nulla chiede, d’umiltà è avvolto.

Per la sua sposa con le doglie in volto,

solo un rifugio, domandò lo sposo.

 

Un rifugio soltanto! Ma non oso

oggi chiederlo a un mondo capovolto,

che ogni santità al Natale ha tolto.

Una casa d’amore è un sogno eroso.

 

Accese mille luci artificiali,

dispersa in anni luce è la cometa

e nel frastuono, muta è la preghiera.

 

Manca il rifugio, in questa lunga sera,

l’abbraccio caldo e quella giusta meta

che alla festa vitale dia i natali.

 

 

NOI CHE SPARGIAMO SALE

 

Noi che spargiamo sale, lo rubiamo

di notte al mare, complice la Luna.

Chi sparge fuoco sulla terra, invece,

s’affida al vento e ai tronchi dell’arsura.

 

Noi che spargiamo sale, disciogliamo

i silenzi dei ghiacci siderali.

Chi sparge fuoco sopra i campi, invece,

ammutolisce il grano e le ginestre.

 

Noi che spargiamo sale, concimiamo

il Cielo perché gemmi nuove stelle,

drappi ardenti di luce a soffocare

il fuoco ostile d’ogni incomprensione.

 

 

QUELLO CHE DELL’ULIVO NON SAI

 

Ad ogni mio risveglio

ritorno sola al giorno

e torna il mio pensiero sempre a te.

Da molto tempo ormai, forse non sai,

che come un vecchio ulivo in mezzo al campo,

nel freddo dell’inverno e senza luna

a illuminare notti solitarie,

vegeto, in una tregua triste e inutile.

Con l’illusione l’anima rabbercio,

cucita nel ricordo

degli attimi rubati al quotidiano

vissuti intensamente,

ma sempre torno sola. Sconsolata,

nella freddezza d’ogni disamore.

 

Forse non sai

che anche un ulivo muore.

 

 

FINO ALLO SCHIOCCO DELL’USCIO

 

Dimenticare,

farebbe bene adesso.

 

E poi chiudersi in bagno,

lavarsi i piedi

o pettinarsi,

per sciogliere ogni nodo.

 

Imparare a infischiarsene

dell’insistenza che bussa alla porta,

di quella voce

che il mio nome non vuole pronunciare.

 

Con uno scroscio d’acqua

sfidare l’arroganza del suo tono

e dallo specchio svelare soltanto

un bel sorriso.

 

Farebbe bene, adesso,

poter sentire

i passi rassegnati allontanarsi,

fino allo schiocco dell’uscio, ed infine,

con un giro di chiave,

affacciarsi a una nuova prospettiva.

 

 

[ Da Leggi una donna, Lorena Turri, Kairòs Edizioni ]

 

 

 Lorena Turri - 21/12/2015 09:04:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Ringrazio Maria Grazia Ferraris per la sua lettura e colgo l’occasione di augurarle un Sereno Santo Natale.

 Maria Grazia Ferraris - 14/12/2015 03:02:00 [ leggi altri commenti di Maria Grazia Ferraris » ]

Emozioni reali di donna che si declina nei suoi vari ruoli…grande sensibilità di una poetessa che rivela solitudine, dolore, incomprensione, sottrazioni, e slanci emotivi verso mondi che aspirano all’azzurro. Poesia morbida e generosa fresca dolcemente melanconia, che offre slanci, barbagli e folgorazioni, aperture e condivisioni.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.