LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Redazione LaRecherche.it
Elogi

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Operazioni matematiche

 

È una vita che addiziono insieme ai giorni

un numero incredibile di cose,

ed ho le spalle stanche,

la mente ingombra come un ripostiglio.

È ora di levare ‒ mi dico ‒ assottigliare,

lasciare finalmente questa stanza senz’aria

dove non so più volare.

Sì, è ora di gettare via tutti i rancori

quelli che mi hanno arrugginito il cuore,

e i pensieri stonati, i sentimenti storti.

Che mi restino soltanto la poesia

ed un amore grande come l’amore, 

buono come la luna

che più la divorano le notti dei millenni

più lievita e cresce come un pane tondo.

Sarò una moltiplicazione

per tutti quelli che vorranno mangiarmi 

sarò mille sorelle e mille amanti,

una galassia di stelle, un labirinto di gioia.

E quando resterà di me l’ultima briciola,

minuscola come l’impossibile,

la dividerò tra i passeri affamati.

Senza peso, finalmente, naufragherò

nel niente dove più non ci sono

il bene e il male e però

dallo spazio-tempo

vi giungeranno ancora

le onde gravitazionali del mio amore.

 

 

 

Benedetto sia il Tempo

 

Benedetto sia il tempo, padre-amico-amante,

che mi è rimasto devotamente accanto

anche nelle notti che mi seppellivano

anche nei giorni che troppo vacillavano.

Benedetto il tempo che mi ha cresciuta,

imboccandomi con cucchiaiate di dolore

e mi ha tenuta stretta anche quando

avrei voluto disperatamente andare.

Che mi ha cullata e avvolta

nelle bende della consolazione,

che mi ha usata fino alla consunzione,

fino a fare della mia pelle

una mappa di costellazioni,

una trama di trine, una lastra sottile

sui fiumi bluastri delle vene.

Quello che adesso mi sbiadisce i capelli

e mi stanca ed ammacca le ossa.

Benedetto il tempo

che segue ancora i miei passi

nel viaggio fantasioso e fecondo

della mia vita nella vita del mondo.

E più benedetto quello che verrà  

ad insegnarmi l’ultimo commiato

per fare di sé, di me e di tutto il passato

l’effimero canto che si ripete.


 

 

L’ultima bugia

 

Affettuosamente mi tieni

–  più esile dello stelo di un fiore –

sulle tue ginocchia, le mani

dure e umide di sudore.

Non mi stanco mai di guardare

– noi due nella luce d’oro –

le nostre ombre ondeggianti

insieme alle spighe di orzo giovane.

Per me inventi l'ultima favola:

«Una grande nave bianca e blu

ti porterà lontano lontano

scivolando sulle acque del mare...»

Immagino un paese solitario,

e una casa fatta di gelo

che non smette mai di tremare.


 

 

Mezza bambina

 

La domenica era un rito il bagno

nella pila grande di legno,

la stessa del bucato,

lo stesso sapone di marsiglia.

Lei mi lavava con ferocia

come volesse sgusciarmi

dal mio breve passato:

solo un nudo gheriglio

senza pellicola e mallo.

E se dicevo «La mamma di prima

m’immergeva nell’acqua del fiume:

era così bianca, così bella»,

lei mi sfregava con più ardore

come un vestito da smacchiare,

ripetendo «È stato solo un sogno,

un sogno vano, o figlia»

E quando l’acqua sembrava uno stagno

lattiginoso di scaglie di sapone,

io dicevo «Guarda, mamma,

sono la tua mezza bambina».

E lei, allora, recitava Dante

dalla cintola in su tutto 'l vedrai

con un sorriso dolente

che galleggiava tra i fumi del vapore.

 

 

 

Voglio l’erba voglio

 

Sì, io voglio, voglio.

Voglio per me, mai così golosa

di corpi caldi come pani sfornati,

di vita che trabocca.

Vado a zonzo, guardo, tocco.

«E mai prima, oh, ricordati!

– diceva serissima mia madre –

mai per primo il piacere.

Tu devi, devi!»

E al diavolo i proverbi,

le perle di saggezza datele ai porci.

Che me ne vado, sapete,

me ne vado con me,

non posso più, pazienza zero.

Adesso datemi tutti i verbi proibiti:

eccedere, delirare, suonare forte

come un cembalo, urlare che sono viva,

slegarmi i polsi, le caviglie, il cuore:

ma che orgia il mondo, che colori!

 

 

[ da Elogi, Giuliano Ladolfi Editore ]

 

 

 Maria Musik - 14/06/2018 18:10:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Tutte bellissime, tutte importanti, tutte che si aprono e aprono (nel lettore) una ferita ma offrono un unguento. L’ultima bugia e Mezza bambina,in particolare, mi hanno stregata. Sono così... no! Non aggiungo altro... sottrarrebbe!

 Franca Colozzo - 23/05/2018 23:13:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Un’operazione matematica: addizione dei giorni e sottrazione dei dolori passati attraverso la lente d’ingrandimento del presente. Questa è la vita che scorre e a volte si rabbuia, s’addormenta sulle pieghe delle sue disillusioni.
Ma festeggiamo adesso l’istante che si ferma per un momento e celebriamo la tua gioia di vivere! Attraverso le tue poesie una vita scorre come matassa dipanata tra la moria del tempo. Così si svolge il nostro essere e credo che, come le rose perderanno i petali ma mai la speranza nel bocciolo, così noi esseri umani arriveremo fiduciosi alla certezza d’essere, oggi qui su questa terra, senza aspettare il fatidico domani. Sono belle queste tue poesie, colme della speranza di vivere i giorni a venire, avvolti sempre nell’incantesimo d’amore.
Un saluto affettuoso.

 Rosaria Di Donato - 23/05/2018 19:40:00 [ leggi altri commenti di Rosaria Di Donato » ]

Complimenti Franca per la tua nuova raccolta! E’ una gioia leggere questi versi limpidi e vitali che infondono fiducia; traspare tutta la positività, l’eleganza, la forza che connota la tua poesia. E’ come se le tue parole fossero un abbraccio che giunge fino a noi!
Un caro saluto,
Rosaria

 Gian Piero Stefanoni - 22/05/2018 09:50:00 [ leggi altri commenti di Gian Piero Stefanoni » ]

Sempre una gioia ogni nuova uscita dei versi della dolcissima Franca e un privilegio per noi questa raccolta il cui titolo calza a pennello per una donna che ha fatto della bellezza, dei suoi motivi nascosti luogo del canto.. così per ogni briciola moltiplicata grazie.. ti abbraccio, con i miei auguri più cari

 Franca Alaimo - 21/05/2018 17:21:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Ringrazio i miei amici Roberto e Giuliano che hanno voluto dedicare questo spazio alle mie poesie. La poesia ubbidisce ad una volontà di comunione con gli altri. Spero di avere tanti lettori ed emozionarli.

 Giulia Salis Nioi - 21/05/2018 11:35:00 [ leggi altri commenti di Giulia Salis Nioi » ]

Reminiscenze catulliane e dantesche, come "l’immillarsi" dell’amore. Bellissima moltiplicazione poetica.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.