LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Redazione LaRecherche.it
Percorsi di vetro

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

lui era

lui era per l’esplicazione del sé

lui era sé

ma era anche altro da sé

era lui l’oggetto

il soggetto e il predicato

lui era il

complemento oggetto

lui era il nadir

e lo zenit

lo yin e lo yang

lui era parziale

ma anche totale

lui negava affermando

e viceversa

lui era il suo sinonimo

ma anche il contrario

lui era molto solo ma

da solo si bastava

lui era suo padre

sua madre suo figlio

sua moglie e l’amante ma

non aveva famiglia

lui era la sua affermazione

lui era la sua negazione

lui(due punti): non era.

 

 

***

 

 

per tacere tace

e mi sta stretta

questa bestia d’amore

aggrappata al petto

 

per tacere tace

ma non sta ferma

scalcia vibra soffia rutta

l’indemoniata e si dibatte

come coda di lucertola mozzata

 

si chiami un esorcista di talento

che sappia ove mettere le mani

che sappia parole che nessuno dice

che abbia chiavi giuste per entrare

 

conosco la bestia che mi porto dentro

e conosco a menadito il suo tormento

 

 

***

 

 

cammino di sera e

come un geco striscio

sui muri caldi

intrisi di urina

in un’estate che si ripete

impietosa e uguale.

si leva appena

un accenno di vento

scappato da dove

in fuga per sbaglio

tra l’asfalto e l’angolo acuto

troppo acuto

mi fa male

troppo acuto

l’angolo di quel palazzo

insieme è il sentore

di un’altra stagione

annunciata che pure

arriverà dovrà

arrivare senza rimando

senza rinvio o sbando

non posso chiedere:

 sospendi un attimo stagione

ché io sono fuori per ogni dove

aspetta almeno il mio rientro –

 

male stagioni si sa

non obbediscono mai.

 

 

***

 

  

fosse tutto così piano e lineare

- tu mi ami, vedi? e t’amo anch’io-

ma perché ogni volta allora

s’ingarbuglia la trama del cuore?

perché ogni volta quest’ordito

filato di pioggia e furore?

 

 

*** 

 

 

le donne scrivono in

posizioni scomode

storte in bilico di lato

spinte in metropolitana

guardandosi intorno

con una faccia strana

sempre in agguato

e senza un corrimano

a cui poggiarsi

almeno con una mano

 

le donne scrivono

in posizioni scomode

penna pronta in mano

rovistando nel peso

di un fardello

con una spina nel fianco

e tra i denti un coltello

 

 

 

[ da Percorsi di vetro, Stefania Di Lino, deComporre Edizioni ]

 

 

 Bruno Di Giuseppe Broccolini - 03/12/2018 11:10:00 [ leggi altri commenti di Bruno Di Giuseppe Broccolini » ]

Un celere continuum di versi vergati a seguire, a seguire una visione della vita osservata in un cammino spicciolo, quasi defatigante. Poi, man mano che le parole esplodono dalla polla sorgiva, gli umori si fanno cangianti e misteriosi e si posano qua e là nella instabile visione propria ed altrui. Insomma una specie di tensione sempre presente, ambigua come può averla un funambolo rispetto al precario equilibrio sulla tensione del teso filo. In fondo, parafrasi della vita.

 Loredana Savelli - 03/12/2018 07:53:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Molto interessanti. Complimenti.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.