LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Redazione LaRecherche.it
Les stupra - Gli stupri

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

***

 

Les anciens animaux saillissaient, même en course,
Avec des glands bardés de sang et d'excrément.
Nos pères étalaient leur membre fièrement
Par le pli de la gaine et le grain de la bourse.


Au moyen âge pour la femelle, ange ou pource,
Il fallait un gaillard de solide grément;
Même un Kléber, d'après la culotte qui ment
Peut-être un peu, n'a pas de manquer ressource.


D'ailleurs l'homme au plus fier mammifère est égal;
L'énormité de leur membre à tort nous étonne;
Mais une heure stérile a sonné: le cheval


Et le beuf ont bridé leurs ardeurs, et personne
N'osera plus dresser son orgueil génital
Dans les bosquets où grouille une enfance bouffonne.

 

 

*

 

 

Gli antichi animali montavano, anche in corsa,
con glandi bardati di sangue e d'escrementi.
I padri ostentavano il membro prepotenti
da pieghe di guaina e la grana della borsa.


La femmina medievale, angelo o maiale,
voleva un garzone con l'arnese gagliardo;
anche un Klebèr, dal pantalone un po' bugiardo,
forse non mancò di risorse. Al piú marziale


dei mammiferi d'altronde l'uomo è uguale;
il loro membro enorme a torto c'impressiona;
ma un'ora sterile è suonata: piú non vale


l'ardore al bue e al cavallo, e non c'è persona
che oserà piú alzare il suo orgoglio genitale
nei boschi ove un'infanzia brúlica buffona.

 

 

***

 


Nos fesses ne sont pas les leurs. Souvent j'ai vu
Des gens déboutonnés derrière quelque haie,

Et, dans ces bains sans gêne où l'enfance s'égaie,

J'observais le plan et l'effet de notre cul.

 

Plus ferme, blême en bien des cas, il est pourvu ti
De méplats évidents que tapisse la claie
Des poils; pour elles, c'est seulement dans la raie
Charmante que fleurit le long satin touffu.

 

Une ingéniosité touchante et merveilleuse
Comme l'on ne voit qu'aux anges des saints tableaux
Imite la joue où le sourire se creuse.


Oh! de même être nus, chercher joie et repos,
Le front tourné vers sa portion glorieuse,
Et libres tous les deux murmurer des sanglots?

 

 

*

 

 

Le nostre chiappe non son le loro. Ho guardato
spesso la gente sbottonata dietro un'aia,
e, nei bagni spigliati ove l'infanzia è gaia,
del nostro culo, effetto e disegno ho scrutato.


Piú sodo, pallido sovente, si spartisce is nali
in chiari piani tappezzati dalla grata
dei peli; ma in esse soltanto alla garbata
riga il lungo e folto raso vi fiorisce.

Una toccante estrosità meravigliosa
non vista che negli angeli dei quadri santi
imita il sorriso della guancia cresposa.


Oh! anche noi nudi, in cerca di quiete e d'incanti,
volta la fronte alla sua porzione gloriosa,
liberi e insieme mormorare singhiozzanti?

 

 

***

 

 

Obscur et froncé comme un ceillet violet,
Il respire, humblement tapi parmi la mousse
Humide encor d'amour qui suit la rampe douce
Des fesses blanches jusqu'au bord de son ourlet.

Des filaments pareils à des larmes de lait
Ont pleuré sous l'autan cruel qui les repousse
À travers de petits caillots de marne rousse,
Pour s'aller perdre où la pente les appelait.


Mon rêve s'aboucha souvent à sa ventouse;
Mon âme, du coït matériel jalouse,
En fit son larmier fauve et son nid de sanglots.


C'est l'olive pâmée et la flûte câline,
Le tube d'où descend la céleste praline,
Chanaan féminin dans les moiteurs enclos.

 

 

*

 

 

Come un garofano viola, oscuro e increspato,

respira, rannicchiato fra il muschio, umilmente,

già umido d'amore che segue dolcemente
il clivo dell'albe chiappe fino al suo orlato.


Come delle lacrime di latte un filame
ha pianto al vento crudele che l'ha cacciato
attraverso rossi grumetti di letame
perché si perda ove il pendio l'ha chiamato.


Sovente il mio sogno abboccò la sua ventosa;
l'anima, del coito materiale gelosa,
ne fece fulva gronda e nido singhiozzante.


È l'oliva in estasi e il flauto accarezzante,
il tubo ove scende il celeste mandorlato,
femmineo Canaan nei madori recintato.

 

 

 

[ da Opere,  Les stupra (Gli stupri), Arthur Rimbaud, a cura di Gian Piero Bona, Einaudi ]

 

 alberto nicola giulini - 15/10/2020 14:05:00 [ leggi altri commenti di alberto nicola giulini » ]

Nessuno ha più saputo come ’il ragazzo dalle suole di vento’ arrivare ad una perfezione così originale e trasgressiva tra contenuto e forma, motivo per cui ancor oggi il suo spirito - sempre vivo oltre ’cieli noncuranti’ - riceve sulla propria tomba apparente, lettere di fan da tutto il pianeta ammorbato. Quaggiù intanto, come ha ben scritto Henry Miller, continua il Tempo degli assassini...

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.