LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Marisa Madonini
Tiananmen

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
‘Tiananmen’ di James Fenton


Tiananmen significa ‘porta della pace celeste’. E’ una piazza enorme e politicamente rappresentativa che si trova vicino al centro di Pechino. Ancora oggi i dettagli più elementari di quel che accadde in questa piazza e nelle strade prospicenti nella notte tra il 3 e 4 giugno 1989, come per esempio il numero dei morti, è sconosciuto e avvolto da un silenzio assordante.
Oltre a qualche scritto di esuli o dissidenti cinesi espatriati si trova questa poesia di James Fenton, scrittore, giornalista e critico inglese, scritta a Hong Kong mentre svolgeva attività di reporter nei giorni del sanguinoso evento aspramente censurato dal governo cinese.
Questo scritto in forma di ballata e per questo caratterizzato da un ritmo ripetitivo e un po’ cantilenante, con la ripresa della prima strofa nell’ultima, scandito da un lessico semplice e sorvegliato, possiede tuttavia una voce poetica di testimonianza


Tiananmen by James Fenton da : Out of Danger Penguin 1993

Tianamen
Is broad and clean
And you can’t tell
Where the dead have been
And you can’t tell
What happened then
And you can’t speak
Of Tiananmen.

You must not speak.
You must not think.
You must not dip
Your brush in ink.
You must not say
What happened then,
What happened there.
In Tiananmen.

The cruel men
Are old and deaf
Ready to kill
But short of breath
And they will die
Like other men And they’ll lie in state
In Tiananmen.

They lie in state
They lie in style.
Another lie’s
Thrown on the pile, Thrown on the pile
By the cruel men
To cleanse the blood
From Tiananmen.

Truth is a secret.
Keep it dark.
Keep it dark.
In our heart of hearts.
Keep it dark
Till you know when
Truth may return
To Tiananmen.

Tiananmen
Is broad and clean
And you can’t tell
Where the dead have been
And you can’t tell
When they’ll come again.
They’ll come again
To Tiananmen.

Hong Kong, 15 June 1989




Tiananmen
è vasta e pulita
e non puoi dire
dov’erano i morti
e non puoi dire
cosa successe allora
e non puoi parlare
di Tiananmen

Non devi parlare
non devi pensare
non devi scrivere
non devi dire
cosa successe allora
cosa successe là
a Tiananmen

gli uomini crudeli
sono vecchi e sordi
pronti a uccidere
ma di fiato corti
e moriranno
come gli altri
e a Tiananmen
saranno sepolti

Vengono sepolti
fan loro il funerale
un’altra bugia
è gettata sulla pila
gettata sulla pila
da uomini crudeli
per tergere il sangue
da Tiananmen

La verità è segreta
tienila nascosta
tienila nascosta
nel profondo del cuore
tienila nascosta
finché saprai quando
la verità potrà tornare
a Tiananmen

Tiananmen
è vasta e pulita
e non puoi dire
dov’erano i morti
e non puoi dire
quando ritorneranno
ritorneranno
a Tiananmen

(traduzione di Marisa Madonini)



Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.