LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Eliana Farotto
Fiction

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Era buio, Marco doveva affrettarsi a consegnare il lavoro. Gli era sempre piaciuto scrivere e finalmente poteva guadagnare- poco, si intende- con il suono delle parole.

L’incarico era stato improvviso, ma era sempre così quando si trattava di funerali, impossibile pianificarli per tempo.

Marco Bombelli era uno sceneggiatore “on demand”: forniva dialoghi da recitare in occasioni speciali, quali funerali, incontri con i compagni delle superiori o convention aziendali.

Aveva ricevuto al mattino una mail da una certa Cristina che lo pregava di scriverle la parte per partecipare il giorno seguente al funerale della zia Emma: non sapeva come affrontare “dal vivo” parenti che non vedeva da tempo, come comportarsi. Diverso sarebbe stato vedere la cerimonia da remoto e mandare dei post con faccine lacrimose, per quello era pratica, ma parlare…. E poi come doveva muoversi? ormai le persone si scrivevano e basta, si mandavano foto, la realtà era troppo difficile da affrontare e lei voleva fare bella figura.

Marco iniziò a scrivere la sceneggiatura richiesta descrivendo l’ambiente in cui si sarebbe svolta la prima scena: il sagrato della chiesa. Cristina doveva riconoscere i parenti suoi e della defunta, avvicinarsi e commentare, scuotendo il capo con lo sguardo affranto:    

-        Sono sempre i migliori quelli che se ne vanno!

-        A tutto c'è rimedio fuorché alla morte.

-        Siamo nati per soffrire.

-        Era una persona così per bene! Allegra, solare.

-        L’ho sentita pochi giorni fa al telefono, chi lo avrebbe mai detto?

Doveva camminare piano, stringere mani, volgere gli occhi al cielo e tenere in bella vista un fazzoletto, come se si fosse appena asciugata le lacrime.

Seconda scena: in chiesa, durante la cerimonia funebre la protagonista doveva passare dallo sguardo disperato allo sguardo inquisitore per controllare il comportamento dei presenti e capire gli eventuali assenti, facendo trapelare un’espressione di dissenso. Poteva poi dare spazio ai commenti malevoli sulla defunta e sui parenti con la persona vicina (sempre meglio scegliere una donna per pettegolare, non una parente però).

-        Siamo fatti di carne, e la zia non si è fatta mancare nulla, altro che santerellina.

-        Negli ultimi tempi era diventata insopportabile.

-        Guarda quello come si agita, sicuramente punta all’eredità.

Terza scena: all’uscita poteva ripetere i commenti di rito iniziali con le persone che le capitavano sotto tiro.  Prima di andarsene doveva nuovamente affrontare i parenti più stretti della defunta per porgere le più vive condoglianze: 

-        La zia era una donna eccezionale.

-        Così è fatta la vita: oggi sai dove sei, domani non lo sai più. Ma finché c’è vita c’è speranza.

Marco accluse anche il link alla scena del film “Quattro matrimoni e un funerale” da usare come tutorial per guardarsi in giro con gli occhi lucidi, annuire e sospirare. Per l’abbigliamento poteva puntare al nero o scegliere un accostamento sobrio, evitare spacchi e scollature azzardate, a meno che puntasse a farsi notare.

Marco firmò il testo, mandò la mail e la fattura, chiedendo l’invio di foto della cerimonia da mettere sul proprio sito come referenza. Anche questa era fatta, il giorno dopo lo aspettava il testo per la partecipazione ad un meeting aziendale. Il lavoro scarseggiava ma per fortuna tra poco, con il mese di dicembre, molti si sarebbero rivolti a lui per i pranzi di Natale e le feste di Capodanno.

 

AA.VV., Un lavoro fantastico, antologia di opere ispirate a lavori inventati, una produzione www.BraviAutori.it, 2020

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.