LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Dereck Louvrilanm��
Makoko (o di una lacuna africana)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Perché scrivo di te, chiuso nel mio guscio

in similpelle? In un perimetro murato, detto

per casa, l’anima è stabile, seduta stante. 

Una finestra fa risiedere il mondo qui dentro.

Sullo schermo una piroga àncora tra palafitte 

curve: ma come cazzo si ergono dall’acqua?

È Makoko. MA-KO-KO, nemmeno so dove

va l’accento, se su pene o su malarie.

Incerta e ignorata, come il numero angelico

dei canali televisivi documentati a più riprese.

Ne so poco, anzi: meno di te. Soprattutto qui, 

i pali in sesto sono retti, dai ritti marci,

e forniscono l’habitat ai molluschi

- questi che vivono a frotte, presi alla gola, 

come morti alle volte. Come sgombri

richiesti all’acqua perchè la terra non basta. 

Le conchiglie non risiedono per scherno

tra le suppellettili del deserto che fuggono, 

impietrite sul tronco cavilloso delle dune. 

Finanche la carne si scaglia ai pesci 

e affonda nella lacuna la corrente e la spina. 

Lacuna, o laguna. Umana, o naturale. 

Affare, o sciagura. «Qui si trova di tutto. 

Tranne una sepoltura.» L’acqua è una tomba

paradossale che tiene in vita i galleggianti.

Una pesca miracolosa della malora.

Ho letto di sardine spinate di fresco e andate 

in fumo, dal loro punto di vista salubre. 

All’ora dei coloni il gin tonic nasceva qui 

ma qui non si porta l’aperitivo. Quindi

è necessario che scriva, perché si veda 

nel lacero-contuso blu la miriade di rifiuti 

buttati ai pesci.

 

 cristina bizzarri - 12/09/2020 09:33:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Dire cos di questo non luogo il modo - e la forma - adeguato per illuminare chi legge, spronarne tutta l’ironia e la compassione. Insomma, mobilitarne la mente e la consapevolezza. Un sentire umano e civile sotto una metamorfosi linguistica viva e mai museale, forse per pochi - per quelli che (nel mio caso un dono che ricevo) anche solo per pochi istanti si affacciano da finestre illusorie.

 francesca espositi - 09/09/2020 14:04:00 [ leggi altri commenti di francesca espositi » ]

mi sono venuti in mente Sankara, Toussaint Louverture e tanti altri. Parli di un dolore e di una sopraffazione in atto da secoli e io non voglio certo attenuare tutto ci con dei complimenti fatui per lo stile del tuo scritto. Voglio solo abbracciarti e dichiararmi dalla tua parte, per quanto pu servire.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.