LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Luc Laudja
Tesa attesa ... ... e intanto peRso a Te

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Rosso.

Una fiumana di vite
mi attraversa lo sguardo.
Perse le più, molto
prima d'arrivare alla foce.
Dirette verso quotidiane
mangiatoie che raramente
soddisfano la fame.

 

E mentre, chiuse in affollate
nebbie giallovetrate,
di alcune ombre assonnate
leggo i pensieri, penso
al Caos di destini vagabondi
- a quante mappe sbagliate
... alle indicazioni macchiate -
affratellati dal traffico
delle possibilità irrisolte.

(In_croci d'azzardo, la vita.)

Un bimbo si fa amico
un sorriso strisciandolo
su una di quelle lavagne d'acqua,
mentre più dietro una donna
vi riflette tutta la sua futura nostalgia.

 

Il fumo fuori sale a confondere
i sogni, sirene non di mare
riportano al tempo che rimane.
Dalla scatola affianco erutta un inferno
di deci(mila)bel, a calamitare
la rabbia di tre giovani metal.
La fame no, per quella non basta
il rumore per dimenticarla, battono
muti due occhi di vecchio che li guarda
al di là della strada - perchè sempre
c'è un vecchio che attende,
al di là di ogni strada.

 

Un capannello di foglie
al capezzale di un fiore
come madri piangere figlie,
la poesia del bianco muore
nella neve di fango le maglie.

 

L'automatica mano dell'autista
torna a fare il suo calibrato dovere
il piede sottomesso asseconda la marcia,
il cigolio dei giorni accompagna l'asfalto.
Ora la fiumana disumana
è la mia a muoversi lenta.
Verde.

 

 

Interminabile eterno
fisso ad oltranza
mi precede mi segue mi
mi divieta mi incattura mi
falla cardiacla udia mens
insana corpo e abiti
di stigmaTE d'attesa.

Rossononposso, levati di dosso!

 

 Ivan Pozzoni - 14/04/2018 17:51:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Bella! :-)

 Ivan Pozzoni - 30/01/2018 00:18:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Questo testo è ricco di significato

 Luc Laudja - 14/12/2012 11:30:00 [ leggi altri commenti di Luc Laudja » ]

Sì G.M. comprendo bene il suggerimento - in effetti quegli ultimi pensieri folli sono abbastanza criptici e apparentemente "estranei" - ma, per assurdo, sono quelli che danno, e hanno, più senso (almeno per me) in questa modestissima composizione apoetica.
Ti ringrazio molto. Ciao

 Gian Maria Turi - 13/12/2012 22:59:00 [ leggi altri commenti di Gian Maria Turi » ]

Un passaggio a un semaforo e ciò che ne consegue in termini di aperture sull’umano. Un momento di quelli banalissimi e quasi fastidiosi in cui però, agli occhi dell’autore, si sfonda la barriera che ci separa dagli altri. Un linguaggio intenso e sostenuto che rende speciale anche quel momento così banale. (Se posso permettermi un’osservazione, casserei quell’ultima strofa. La poesia finisce con "verde".) Ciao!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.