LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Walter Maccari
Da un osservatorio romano

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
.

Mentre saliva faticosamente
cercando di giungere in cima

Si ricordò stupito
di ciò che portava:

Era una croce
una stupida croce
.

 Pinupinu - 05/01/2011 17:51:00 [ leggi altri commenti di Pinupinu » ]

olà walter!

azz... quarant’anni fa??? ma quanti ce n’hai? :)
comunque trovo questi versi parecchio taglienti... bellissimo il titolo per le "ambivalenze"... come porsi dal di fuori e guardare il condannato da posizione preferenziale; un pò come cercare IL principio di tutto!

ciao!

 caterinanicoletta accettura - 25/10/2010 12:19:00 [ leggi altri commenti di caterinanicoletta accettura » ]

E’ bella la tua acuta poesia, caro Walter, profonda nell’apparente semplicita’.Un caro saluto ed un abbracio colorato:)_nicole

 Roberto Maggiani - 05/09/2008 22:28:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Che bella, a me pare che questa poesia, in pochi versi, metta una linea ben marcata a dividere ciò che è la Santa Croce, quella vera che viene dalla profonda corruzione della realtà delle cose (per chi crede dovuta al cosiddetto Peccato Originale) che provoca una reale e ineliminabile sofferenza e ciò che invece è simpatico chiamare "stupida croce", rientrando in questa categoria tutto ciò che invece, nella salita verso la santità (a cui tutti sono chiamati, e non pensate ai santi da adorare ma agli uomini santi di tutti i giorni) provoca le inutili sofferenze che possono essere tranquillamente evitate con un bel sospiro e una bella risata. Bravo, mi piace, ci vedo non tanto Gesù, quanto ciascuno di noi in quel "Mentre saliva faticosamente".

 walter maccari - 05/09/2008 19:32:00 [ leggi altri commenti di walter maccari » ]

. Vedo che qualcuno si meraviglia, ponendo la domanda storica, sul mio dire : " stupida croce"

. I Romani ricorrevano alla crocifissione solamente in casi di provata violenza ed era "vissuta" come una barbaris constrictionem ( scusate il mio latino maccheronico ) non ne andavano fieri, tant’è che i cittadini venivano gettati dalla rupe, e agli altri venivano prima fustigati e poi tagliata la testa

. Per i romani era una stupida croce.....e dall’osservatorio romano, nn si poteva che avere questo commento. Anche Jesus la sentiva cm una cosa stupida........Oh certo i fautori di Agostino se ne servono x alimentare l’ecclesia, ma io sn seguace di Pelagio, contemporaneo del Vescovo d’Ippona, (il quale cm Paolo era stato un gran peccatore, gaudente e dissoluto) poi su quelle strade l’illuminazione era "feroce" così che entrambi, Paolo e Agostino, dettarono alla nascente istituzione cristiana l’errore secolare : l’intolleranza contro le donne, e il sovvertimento della parola del Nazareno....come potevano sennò i padri della chiesa, inventarsi . l’apostasia e l’eresia...o cm si fa ad essere così "violenti" e intolleranti se nn rimescolando le parole del nazareno
. Esempi? il suo rapporto cn Maddalena, il suo dire : "..chi nn ha mai sbagliato scagli la prima pietra " eppure i due Padri della Chiesa, nella loro intolleranza sembrano deviare dalle parole del figlio del falegname

. così c’è chi nn trova consono il mio dire,,,,,,ma quel giorno, statene certi, quella era e fu una stupida croce

. Poi c’è quanto ognuno di noi sop-porta....o nn è cosa stupida alle volte? E magari ci s’ankazz pure, per motivo semplice e spesso futile

E’ da quel momento/oggetto/soggetto che nasce l’amore........
prima nn esisteva cm concetto!
. E cmq questi pochi versi, scritti quasi 40 anni fa, hanno sempre generato un gran discussione! uz, uz! . Ciao ^ _ ^
.

 juannesalvador - 05/09/2008 19:09:00 [ leggi altri commenti di juannesalvador » ]

Stupida croce???????????

 Maria Musik - 05/09/2008 18:37:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Una stupida croce... stupida per chi?

 Loredana Savelli - 05/09/2008 17:40:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Intensa.

 A.R. - 05/09/2008 17:14:00 [ leggi altri commenti di A.R. » ]

Carina.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.