LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Davide Rocco Colacrai 2
Col telefono nella mano (Mal d���amore_Parte III)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Col telefono nella mano
(Mal damore Parte III)

E mi ritrovo col telefono nella mano
E lo guardo
Lo guardo, in silenzio
Con unimprovvisa speranza
Che freme da qualche parte, l
Consapevole della perdita
E del vuoto che si fatto strada, in me
E guardando il telefono
Quel telefono stretto nella mia mano, muto
Penso a te
E vedo apparire il tuo viso, l
Che fa una smorfia di vittoria
Nellatto di abbandonarmi definitivamente
vero io non sono il vincitore
Ma soltanto il perdente della situazione
Sono quello che tha amato
Al di l della propria vita
Sono quello che ha tirato il tutto da s
Per donartelo, con passione
Sono quello che ha creduto e combattuto
Per proteggerti ed amarti davvero
E poi sono rimasto qui
Sospeso in uno dei mille frammenti di vetro
Che tu hai scordato, un giorno qualunque
E mi ritrovo con quel niente
Che mi dona brividi di fredda solitudine
E sensazioni di taglienti rimorsi
Dove sono finito?
Dov la vita?
Ma non ci sono risposte da dare
Solo fantasmi lattei
Che aleggiano nel presente
E sanno bene dove conficcare le loro lame
Si hai ragione
Sembro un patetico bambino
Che non ha ottenuto il giocattolo del momento
Ma sei consapevole daltro anche
Ho unanima anchio, infatti
Ed per questo
Che da uomo soffro terribilmente
E tento di nascondermi
Tra le ombre del mio stesso essere
Per ritrovare lacrime
Che mi tengono compagnia brillando
Ho desiderato lamore, e lo sai
Lamore quello assoluto
Non mi sono accontentato di niente
Non ho goduto dellistante mai
Ho cercato di andare sempre pi in profondit
Per possedere lanima la tua anima
Quel prezioso e delicato fiore
Che tanto desideravo
Ed ora invece
Eccomi qua
Mentre inciampo e scivolo
Su quello che ho costruito io stesso, un tempo
Castelli di sabbia e spine
Che luccisione del sentimento tenta di distruggere
Ma invano
Pi vuoi scordare quel che stato
E pi quel che stato diventa presente
Ed per questo che sto divenendo sempre pi debole
Questa lotta continua
Mi fa gi presagire il sapore della morte
Cos amaro per la nostra consapevolezza
Eppure cos dolce per le nostre ferite
Ma il cuore dopotutto
Il cuore invecchiato gi
Aspettando il tuo ritorno
E vivendo in unattesa
Tra consapevoli illusioni
E il telefono
Il telefono resta sempre nella mia mano, ancora.

 Lorena Turri - 27/03/2009 22:19:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Della serie: "Ti telefono o no, ti telefono o no,
ho il morale in cantina
Mi telefoni o no, mi telefoni o no,
chiss chi vincer
Poi se ti diverti
non la metti da parte un po di felicit
anche tu?
Io vorrei sognarti, ma
ho perduto il sonno e la fantasia
anche tu!
Ti telefono o no, ti telefono o no,
io non cedo per prima
Mi telefoni o no, mi telefoni o no,
chiss chi vincer" ?

 Katia Petrassi - 21/01/2009 15:54:00 [ leggi altri commenti di Katia Petrassi » ]

Sono scivolata inesorabilmente nella trama dolorosa delle tue parole, rapita al punto tale da aver dimenticato, per qualche minuto, di fissare il mio, di cellulare, che potrebbe raccontare una storia non molto diversa dalla tua. Bella e toccante. Bravo.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.