LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Martina Dell’Annunziata
Il racconto dei racconti

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Il racconto dei racconti di Matteo Garrone (2015).

 

Una immaginifica rivisitazione di un capolavoro della letteratura in lingua napoletana, un «Pentamerone» del Seicento dal quale hanno tratto la propria opera i più ingegnosi autori del genere fiabesco, dai fratelli Grimm ad Andersen.

 Eppure, Lo cunto de li cunti, overo lo trattenemiento de peccerille - questo il titolo completo non è una raccolta di fiabe per bambini. Gianbattista Basile scrive per un pubblico di cortigiani, «uomini letterati ed esperti e navigati», offrendo loro narrazioni in cui trovare leggerezza e diletto, ma anche il guizzo di più acute riflessioni sul proprio tempo (anche Basile fu contagiato da un’epidemia che colpì Napoli fra il 1630 e il 1631.). Un libro vivo e più che mai attuale, che apre squarci sulla segreta complicità di amore e morte, sul sentimento del tempo che sgretola e corrompe tutto ciò che tocca, su un mondo umano che dà mostra di sé in variegate e sempre nuove forme, in cui, tuttavia, non possiamo anche noi non riconoscerci. Il barocco, con le sue fate silvane e i suoi orchi ripugnanti, abita ogni pagina di questi racconti dall’insolito piglio ironico e «vi esegue una sua danza allegra […]: fu già torbido barocco, ed è ora diventato limpida gaiezza» (B. Croce, Il Pentamerone ossia La Fiaba delle Fiabe).

 La trasposizione cinematografica di Garrone è la libera messinscena di tre dei cinquanta racconti del Basile rivisitati in chiave horror-fantasy: La regina, La pulce e Le due vecchie, tre storie di donne ambientate fra i più evocativi paesaggi della nostra penisola. Un viaggio fra malizie e crudeltà, storture fisiche e travagli interiori di personaggi che appaiono tanto più seducenti quanto più se ne esaltano i tratti grotteschi e stravaganti.

 

***

MD  

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.