LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuseppe Paolo Mazzarello
Studi sull’isteria d’Impero Romano - II

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Studi sull'isteria d'Impero: i Flavi e la battaglia per l'Inghilterra
del Dr. Giuseppe Paolo Mazzarello

AD 69: i 'caduca' indicati 'ope legis' da Augusto erano sotto mira da un cinquantennio. Erano i beni che non potevano essere ereditati dai celibi e da quelli senza figli ('orbi'). Inutile dire che ci fosse una gran corsa ai matrimoni ed alle adozioni, almeno per quelli che avevano qualche lascito da riscuotere. I matrimoni si facevano e si scioglievano agevolmente, i figli in cerca di genitori si accasavano convenientemente. In quell'anno, San Giovanni Evangelista scrisse la sua 'Apocalisse'. Il numero citato 666 indicava il salto da Nerone al sesto imperatore trascurandone tre succeduti in quell'anno 'dei quattro imperatori'. Ricordiamo almeno i nomi di Galba, Otone e Vitellio che morirono da imperatori dopo essere vissuti senza averne i requisiti. Mille anni dopo, Michel Delpech cant: 'Whight is white..' e la simpatica isola cos sar sembrata a Vespasiano che vi guid dei legionari sotto Claudio. Quando divenne quel sesto imperatore di cui prima, non si dimentic delle terre d'oltre Manica. Era delle parti di Rieti questo signore che era stato nominato dalle legioni Siriane e si era fatto preparare la strada verso Roma da generali fedeli. Nella scelta dei collaboratori aveva il tocco felice, e continu ad averlo riformando i pretoriani. Almeno tra quelli, avendo a cuore la pelle, uno arruolava pi volentieri qualcuno dei paesi suoi. Meglio ancora se a capo di loro poteva insediarsi, come accadde, il figlio maggiore Tito. Anche per la lontana e grande isola, ebbe un valente incaricato in Agricola. Il generale Romano sembr rinverdire i fasti passati ma l'operazione, complessivamente, non decoll. Roma mantenne col il primato ma non sapeva imporre le imposte indirette ed in quella terra, tutta dedita ai commerci, era perduta una grande occasione di fare cassa per lo Stato. Vespasiano, comunque, le casse dello Stato non le tratt male. Mor alle Acque di Cotilia e Tito, che gli succedette, fece cose analoghe. Qualche malevola intenzione l'aveva gi manifestata in Medio Oriente e, per i due anni che ebbe a regnare, non fu il caso di replicare. Aveva celebrato anche un trionfo insieme al padre, questo sovrano che rimase sempre all'ombra del genitore. Eppure qualche virt l'aveva, se fu chiamato 'amore e delizia del genere umano'. Certamente la definizione non si applic al fratello minore Domiziano, il nuovo imperatore. Fece guerre in Oriente; ritir Agricola dalla Britannia dove aveva operato fin troppo bene anche a sentire il genero Tacito; fu un duro. Ci fu un crollo del prezzo del vino per eccesso di produzione e fece estirpare met delle viti coltivate. A pensare che sarebbe stato sufficiente vendere il prodotto ai Britannici che non avevano alcun modo di averlo altrimenti, ci si sente quasi male. Per fatti simili, qualche patimento del genere lo soffriamo anche oggi. Come ogni duro che si rispetti, Domiziano croll sotto i colpi della moglie Domizia. Ai Romani la grande isola doveva apparire qualcosa di estraneo, troppo mare sul quale riversare quei pensieri che gl'imperiali facevano scorrere preferibilmente sulla terra ferma. La lingua latina scorreva fluentemente in Occidente, ma in Oriente quella greca non veniva soppiantata. La lingua Inglese navigher oltre l'Oceano Atlantico e trover una grande terra nella quale diffondere. Una grande terra occupata da ampio suolo ma circondata dalle immense distese oceaniche. Un nuovo continente del quale, non potendo pi essere n Roma n Britannia, tutti gli altri continenti aspettano l'esempio e la guida. Questo capitolo stato scritto attingendo anche alle notizie in Italiano presenti nella bellissima Enciclopedia Motta nell'edizione del 1963. Le notizie in Inglese dalle dispense del Mommsen ci sono giunte sulle 'aure dei sospiri ardenti' americani. AD 98: esala l'ultimo respiro Cocceio Nerva, l'anziano senatore divenuto imperatore e nostalgico dell'agricoltura. Il nostalgico Foscolo, a proposito del quasi omonimo Cocceo Nerva, ne lod l'ultimo respiro in polemica con Tiberio che impersonificava l'assolutismo. 'Tu almeno sapevi morire incontaminato' scrisse il contaminato poeta.

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.