LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Medina Lariana
Pizza d������������������������������������������������������������������������������������������������������������autore

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Mezza su e mezza gi dal divano mi stiracchio, rotolo sul pavimento e allargo le braccia come il Cristo in croce. La pancia brontola e mi scappa da ridere. Quanto vorrei uscire a mangiare una buona pizza. Ma con chi? Non ho voglia di parlare, vorrei solo gustarmi una buona pizza, magari una costosa, di quelle d'autore. Non ho ancora celebrato la mia disoccupazione, potrei fare una pazzia e buttarci un po' della liquidazione. Mi guardo nello specchio, i jeans sono diventati larghi e calano sui fianchi, il maglioncino troppo corto e la canottiera spenzola fuori. Ma guardati, ti manca un pallone da basket e tutto l'insieme avrebbe una sua ragione d'essere. Sto regredendo al prepubere e l'estetica cerca di adeguarsi. Perch non posso andare in pizzeria da sola? Perch in Italia non si fa; tutti ti guardano oppure ti rompono le scatole.
il cellulare, ma che suoneria ho messo? "Sconosciuto", che faccio rispondo? S dai, sono in vena di far danni:
- S.
- Carmen? Sono Dario, l'amico di Claudio, ci siamo visti alla festa di compleanno...
- Ah s - il deficiente, come cavolo ha fatto ad avere il numero di cellulare, chi il traditore? -
- Pensavo, ti andrebbe di uscire a cena?

Chiamo mia sorella, se c' una che pu trasformare uno scugnizzo in una donna, lei. Ci sono delle caratteristiche che sono democratiche in ogni loro aspetto, come la "pirlaggine", distribuita sul genere umano senza distinzione di razza, sesso, et o condizione economica e in quantit variabile da individuo a individuo. Altre, come la classe, sono concentrate in grande quantit in un unico individuo e mancano completamente in un altro. La classe non simpara e non si compra, la si pu scimmiottare per un po' ma sulla lunga quello che sei viene fuori. La classe una caratteristica innata e mia sorella ne ha da vendere.
Tirata "a malta fine" mi reco alla vestizione. Mia sorella non batte ciglio, affronta l'impresa con cipiglio professionale, anche quando si accorge che mi sono tagliata i capelli da sola: "Cos'hai contro i parrucchieri?". Al terzo tentativo capisco che ci siamo; lei esausta e si lascia cadere sul letto.
Mi faccio prestare il Suv dalla mia ex-collega e attraverso la citt. Sto producendo pi inquinamento di una fabbrica di polipropilene e non capisco come si possa condurre una macchina da guerra in pieno centro cittadino senza ammazzare qualcuno; mi vergogno. Ho dato appuntamento al Gigione direttamente sul posto sicch eseguo un parcheggio tattico, di quelli con via di fuga veloce in direzione della tangenziale.
Quando arrivo l'uomo mi sorride, sembra contento. La pizzeria prenotata ed presto, quindi ci fanno accomodare subito. L'ambiente accogliente, su misura per me, per questo l'ho scelto.
L'inizio fa ben sperare, il mio eroe un tantino arrogante con i camerieri, mi auguro che sia quell'imbecille che immagino cos poi, non avr nessun senso di colpa.
Si chiama "multitasking" e pi che una dote, un difetto, un'abitudine poco sana nella quale non ho rivali: divido in due il cervello e mi faccio i fatti miei mentre fingo di ascoltare chi mi sta davanti.
Mentre leggiamo il men, il tipo prende le misure, commenta il locale, millustra la sua situazione economico-sentimentale, sinforma sul mio stato civile e si assenta per andare alla toilette. Torna stropicciandosi un naso un po' pi rosso di prima. un bell'uomo e tutte le donne nel locale stanno dando una sbirciatina. Dio ti ringrazio! Un tronfio, ricco, drogato tutto per me.
So gi cosa voglio: una pizza d'autore di quelle con le spezie accostate dallo chef, col mantecato di castagne abbinato alla spuma di pan di spezie oppure con il miele che abborda la n'duja, l'andouille come direbbe mia sorella. Il tizio sceglie la pizza e la birra pi care della lista.
Quando la cameriera termina di annotare l'ordinazione sorrido e ringrazio e il mio galantuomo mi chiede se conosco la ragazza; annuisco, anche se non ho la pi pallida idea di chi la figliola sia. Mentre aspettiamo le pizze, mi preparo ad affrontare con arguzia l'intervista; se mi gioco bene l'ouverture, il resto dello spettacolo sar un successo.
- Di cosa ti occupi?
Dunque, vediamo, lo distruggo subito col margine di contribuzione? No, non arriveremmo al dessert. Meglio sorvolare anche sullo stato occupazionale. Mi viene in aiuto l'immagine dell'ultimo datore di lavoro:
- Sono una semplice segretaria, in una piccola azienda.
Riattacca con la casa sul lago, quella in montagna, il Suv. L'elenco completo dei cespiti porta via un po' di tempo, ma la cosa non mi preoccupa, qui il servizio lento. Intanto mi perdo nei profumi che cominciano a circolare nell'ambiente e non so dire esattamente a che punto del monologo capto la parola disoccupato e la parte finale del discorso.
- Se uno non trova lavoro perch non ha voglia di lavorare oppure un incapace.
- vero, hai proprio ragione. - Santo Dio che profumo, cos' basilico? -
- Certo con tutti questi extracomunitari... mettergli sopra la benzina e dargli fuoco...
Il Naviglio "sbarluscia". Mia madre nata qui, quando questo era il quartiere dei poveri cristi, sono cos contenta di essere riuscita ad avere il posto vicino alla vetrata.
- Non sei una di quelle fissate con la politica o la psicologia, vero?
- Assolutamente no, io non ci capisco niente di politica, figuriamoci di psicologia.
E qui provo un certo timore: il Dio di mia madre forse mi ha sentita e adesso sta addensando le nuvole, per generare un fulmine che colpisca il Naviglio facendolo esondare in modo da rompere la vetrata con gran fragore e scaraventarmi a gambe all'aria sul tettuccio di uno dei barconi. Mi viene l'istinto di nascondermi sotto il tavolino; tranquilla Carmen, hai depistato la mamma e il suo Dio dicendo che saresti andata a Monza.
Arrivano le pizze e mi scappa nuovamente di ringraziare la cameriera. Su quella del re consorte mezzo Mar Caspio sta sommergendo completamente l'impasto. Mi lascio imbrogliare dai profumi della mia pizza d'autore e mi viene in mente la favola del viaggiatore che, sentendo la mancanza dei suoi cari, odorava spezie e aromi, raccogliendo col respiro l'energia per inviare piccoli pensieri d'amore alle persone lontane.
Do uno sguardo d'addio al mio compagno e inizio a gustare la mia pizza a piccoli bocconi, respirandone i profumi. Devo fare attenzione e scegliere le mie strenne in modo accurato, se esagero la magia non funzioner.
La prima per Alessandra: un bell'abbraccio, di quelli che si ricevono non di quelli che si danno.
La seconda per Gaia: energia, da tirar fuori nei momenti in cui la trib le leva la pelle di dosso.
La terza per Germano: coincidenze, di quelle che messe tutte insieme ti fanno andare nella giusta direzione.
La quarta per Giuliano: un piccolo successo, uno solo ma gratificante, significativo.
La quinta per Ivan: non so di cosa abbia bisogno ma il pensiero talmente positivo che potr trasformarlo in ci che desidera, all'istante.
La sesta per Gabriele: affetto, da spalmare e da spalmarsi addosso ogni volta che ne sentir il bisogno.
L'ultima per Angelo: intuito, gli servir per star dietro ai nipotini come si deve.
Un lavoro perfetto: prima le donne, in ordine di et, poi gli uomini nello stesso ordine, mia sorella apprezzerebbe.
Il mio amico triste, alle Maldive quest'anno ha piovuto. Io invece sto da Dio, non so se il merito vada alla magia o alla birra, ma mi pare che la pressione sia salita a livelli accettabili. Peccato che la mia pizza sia quasi finita.
Insisto per pagare la mia met ma non c' verso.  in corso di applicazione la prima legge del mercimonio secondo la quale se uno ti paga la cena, dopo gliela devi dare per forza.
Fuori dal locale l'aria fredda. Percorrendo l'alzaia in direzione dell'auto incrociamo l'Eleonora d'Arborea, la scuola elementare che frequentava mia madre, dove gli americani spruzzavano sui bambini il DDT. Quando la mamma racconta la storia, si percepisce ancora l'umiliazione. L'unica differenza tra gli abbaini di Sant'Eustorgio e le case minime del Giambellino era che l, al Giambellino, non si pagava la pigione.
- E questo cos'?
- Non saprei. Qualche ufficio comunale? - C' scritto scuola elementare, idiota.-
Arriviamo in prossimit del Suv ma Rommel la volpe si accosta a un'utilitaria. Adesso c' da mettere in scena il finale. La bestia si avvicina, vuol concludere.
- Andiamo a berci qualcosa?
- Ti ringrazio, ma ho promesso a mio zio, che abita l sull'altra sponda, che sarei passata a salutarlo, quindi scusami, ma devo proprio andare.
Tiro fuori il telecomando dalla tasca e con un gesto un po' troppo plateale faccio scattare la serratura; al Gigione casca la mascella inferiore. Nel salire a bordo del mio "Abrams" do una piccola "scosciatina", con grazia, senza esagerare. La prossima volta che uscir a cena con un uomo potrei essere troppo vecchia per questi colpi di teatro, quindi mi tiro avanti con i lavori. Faccio un cenno di saluto al tizio che, come la cameriera, non so chi sia e avvio il mostro.
La tangenziale quasi deserta, meno male, posso andare piano, guidare rilassata e pensarmela addosso, come piace a me. Invecchiare ha pochi vantaggi ma sono tutti vantaggi di sostanza. Da ragazza avrei cercato a tutti i costi il lato positivo della persona, adesso "mi sento" il lato positivo della questione.
Di questo non abbiamo avuto il tempo di parlare pap. Mi manchi tanto, a te una cosa cos sarebbe piaciuta. Porca vacca che pizza eccezionale!



 Giacomo Colosio - 10/08/2011 18:44:00 [ leggi altri commenti di Giacomo Colosio » ]

Ciao Medina, alla fin fine questo il brano con il quale ti ho conosciuta e mi piaciuto subito il tuo modo di scrivere. poi hai scritto cose bellissime, pi serie se vogliamo, ma questo pezzo d’autore quello che mi rimasto nel cuore. ma poi che fine hai fatto...frequenti poco pure qui, o sbaglio? Non mi vuoi pi bene come io ne voglio a te...ahahah...ciaociao, spero tu stia bene.

 Giuseppe Terracciano - 07/06/2011 21:13:00 [ leggi altri commenti di Giuseppe Terracciano » ]

Un bel testo.

 Maria Musik - 07/06/2011 20:40:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Un racconto d’autore! L’ho trovato eccezionale. Posso entrare nel tuo fans club?
E’ costruito benissimo, con un incedere preciso e diretto della narrazione che, per, si concede tutte le dovute, volute e benvenute digressioni. E, come se non bastasse, una magnifica rappresentazione della maturit al femminile. La chiusa, una amorosa ma non sdolcinata dedica, come il miele che incontra la n’duja!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.