LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Teresa Anna Biccai
Il perdono di Giuda

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

 

Com’è che Cristo ha amato l’Ingiustizia.
La lenta mareggiata dei serpenti
Per rendersi nel pane manto estremo
E voce all’immortale valle in festa


Com’è che Il Cristo, là sponda dei bugiardi
Compone le medaglie da affidare
Limandole d’attesa
Al gergo del silenzio e poi al chissà


Le bocche dei perdenti tramontano giù a diga
Cercandosi un lamento sottomesso
Che possa dirsi timbro celestiale
Domani ripagato all’eden
E all’oggi così sia


Non c’è risposta fra luci ad alternanza.
Le piaghe all’ombra non sanno la certezza
Del polso nominato alla creazione.
Non c’è riposo a perdonare
Né veglia giusta a sterminare;
Ché il tempo degli ulivi ha colli incerti
Dondolandosi a stagione il vero e il falso
Sul ramo germogliato sant’inganno


Là nel fondo, posato cima e volto
Lui vide il Cristo sanguinargli addosso
Con tutte le ferite inflitte e amate
Spogliandosi alla morte
Menzogna generosa


Lui Giuda il vero.
Dal marmo riscaldato senza fiato
Compose il suo segreto verme e marchio
Pentito al chiodo ancora da piantare
Con l’indice al sé stante
D’amore primordiale rimpatriato


Lui colpa e poi ponente.
Vangelo chiuso al nome.
La somma vana e il gesto da attardare.
Lo scrupolo crudele e poi ferito
Fra le labbra dissetate con la trebbia
Di un giorno senza sera


Lui orfano al respiro
E figlio poi impiccato
Con l’utile sepolto
E il vuoto diramato nel calcagno
Come una preghiera da capire


Com’è che il Cristo ha amato l’Ingiustizia


Il sangue in posatura e comunione
Prima d’inondarci di salvezza
Che martire fu prima a corda stretta

 

3 dicembre 2008

 

 Adielle - 05/03/2014 12:21:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Potente davvero.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.