LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Carla de Falco
Era tuo padre

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Tanto è stato già scritto, romanzato, reso in video sull’argomento camorra. Come si fa dunque oggi a proporre ancora in lettura un romanzo come Era tuo padre, che sembra attingere perfino nel lessico di base all’inconografia verbale di Gomorra e che indugia a raccontarci una storia di caduta e riscatto, come tante di quelle che affollano la cronaca nera da anni? Si può fare e l’operazione si riempie di senso se il libro viene proposto a lettori giovani associando alla verosimiglianza di una narrazione cruda e vitale, la sofferenza di una vicenda biografica, quella dell’autore, che in qualche modo assume il valore esemplare della testimonianza. Alessandro Gallo cambia giovanissimo la sua vita, lasciando Napoli e dedicandosi presto a lavorare in Emilia Romagna, nel campo dell’educazione alla legalità con progetti di teatro civile. Questa scelta rappresenta per lui, in qualche modo, la strada trasformativa essenziale. Secondo Baliani, il punto della letteratura è proprio la metamorfosi perché scrivere deve essere un atto dirompente, violento, se serve, paragonabile ad una bomba messa sotto la sedia del potere. Se quest’ultimo, poi, è un potere criminale, la bomba deve deflagrare in maniera ancora più forte e la scrittura deve servire a dar voce al candore, allo sgomento infantile, alla tensione adolescenziale verso una lotta che aspira a cambiare il mondo. Nel romanzo di Gallo, edito da Rizzoli, l’autore ci propone di dar voce a questa tensione. Il romanzo è ambientato inizialmente in una Napoli popolare, intrisa di camorra, ma poi lo scenario non cambia troppo quando l’azione si sposta nella Bologna universitaria o nella Londra cosmopolita. La trama è organizzata intorno al tema della repentinità delle scelte: un delinquente di rango, una donna che sceglie rapidamente di sposarlo, tre figli, un destino che viene definito in modo profondamente diverso nel giro di pochissimi anni, quelli che dovrebbero essere i più puri e spensierati. Delinquere è semplice se non esiti troppo, dice nel testo Gaetano, giovane affiliato al clan, rivolgendosi a Camilla, figlia minore del boss che lei stessa finirà col ripudiare, destrutturando dalle fondamenta l’archetipo del padre padrone inesorabilmente vincente. Gallo sembra sottintendere in tutto il libro un’idea di fondo: la strada della legalità è lunga, per certi aspetti tormentata, ma anche se ti mette alla prova ogni giorno si rivela l’unica percorribile; perché – per dirla con Don Peppe Diana – non c’è bisogno di essere eroi, basta il coraggio di avere paura, fare delle scelte e denunciare.

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.