LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
Quel cielo che era grembo a Natale

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Riesumi un abete dismesso

Per questo Natale, un albero finto

Lasciato in cantina l’anno passato

In attesa di mandarlo a discarica

 

Con gli altri rifiuti ritenuti ingombranti.

L’hai appena addobbato a vetrina,

Giusto perché la vicina non dica

Che la casa è spoglia senza l’abete

 

E non c’entra la questione di fede,

Poi anche per i figli che tornano a casa

È bello trovare a Natale dei segni;

Così hai ceduto al consiglio, ti rassegni

 

Ad avere per casa l’ingombro sui rami

E sciami di auguri che sembrano cirri

Di giorni che presto volgono al triste

Lo sguardo che per sempre ha smarrito

 

Quel cielo che era grembo a Natale.

 

 

 

 

Commento non visualizzabile perché l'utenza del commentatore è stata disabilitata o cancellata.

 Ivan Pozzoni - 30/12/2017 16:03:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

Non mi incuriosisce? :-)

 Ferdinando Battaglia - 30/12/2017 14:37:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Non sono d’accordo, ma ti ringraziò lo stesso.

 Ivan Pozzoni - 30/12/2017 13:44:00 [ leggi altri commenti di Ivan Pozzoni » ]

La tua modalità di scrittura mi incuriosisce

 Ferdinando Battaglia - 18/12/2017 22:31:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Un grazie a ciascuno di Voi.

 Klara Rubino - 18/12/2017 14:16:00 [ leggi altri commenti di Klara Rubino » ]

Hai ragione, per molti, tristemente, è così.
Bella poesia!

 Edi Davoli - 18/12/2017 13:09:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

La mestizia di tradizioni che non hanno nulla di cristiano a cui ci si sottopone passivamente. Ho apprezzato la tua lirica Ferdinando! Serena giornata!

 Giulia Bellucci - 18/12/2017 10:29:00 [ leggi altri commenti di Giulia Bellucci » ]

Già, accade che alcuni gesti vengano ripetuti per abitudine. Certo l’albero non è esattamente un simbolo religioso come il Presepe. Credo che il Natale sia una festa per i bambini soprattutto i quali, osservando mio figlio di 9 anni, hanno recuperato il senso più originario. Inutile negare che però è bello vedere la propria casa addobbata. Ma credo che il mistero del Natale vada vissuto nell’anima

 Valentina Rosafio - 18/12/2017 10:05:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Che cos’è il Natale?Perché ci scambiamo aridi auguri?Festeggiamo senza il festeggiato ed è vero, questa festa svuotata del suo senso è profondamente triste.
Colpisce l’autenticità dei tuoi versi.
Un abbraccio
Vale

 Laura Turra - 18/12/2017 09:58:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Una poesia (scritta davvero bene!) che non è solo una constatazione di riti che si ripetono quasi per abitudine, essa contiene anche un richiamo, che io sento molto forte: non smarrire "lo sguardo a quel cielo che era grembo a Natale". E’ solo questo che conta, perché il Segno dei segni è un Bimbo che nasce. E nasce continuamente nella carne di tutti i giorni.
Ti abbraccio forte, Nando!

 Elsa Paradiso - 18/12/2017 09:50:00 [ leggi altri commenti di Elsa Paradiso » ]


Chi non è proprio di oggi, ogni malgrado, si porterà dentro il dolce marchio del Natale e di tutte le sue illusioni.
Sempre segna la profondità del tuo poetare.

Ciao, Nando

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.