LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
per chi suona la campagna

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

vieni qui, disaminiamo insieme

la teoria polluttoria dello scrivente

il suo onanismo mentale e verbale

 

la sua personale via lattea

il frammisto di accuse e di giudizi.

Io mi sfizio della mia ignoranza

 

e presto l'incoltura ad un vocabolario soggettivo

oscillante tra un intuito di culo

e una debacle che suona a disfatta

 

tuttavia, rassegnamoci: 

non sapremo mai

per chi suona la campagna.

 

 

 Sara Cristofori - 15/01/2018 08:57:00 [ leggi altri commenti di Sara Cristofori » ]

così piacevolmente ironica e tu sempre vincente :)

 Laura Turra - 15/01/2018 08:07:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Scusa nel scrittura sono saltate alcune parole. Leggi:
"è sempre capacità di entrare in relazione con la realtà ..."

 Laura Turra - 15/01/2018 08:05:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Nando carissimo, sei davvero bravo. Quando scrivi testi come questo, con bella ironia, quando ti addentri in temi profondi e poi anche quando generosamente commenti le nostre poesie. Credimi, "l’incoltura", come la chiami tu, non è contraria all’intelligenza che è sempre capacità di entrare in relazione e di comprenderne il significato ultimo e vero. Questa dote di capire tu ce l’hai e ce l’hai pienamente e bellamente.
Ti abbraccio forte

 Adielle - 15/01/2018 03:11:00 [ leggi altri commenti di Adielle » ]

Fortissima!

 Franca Colozzo - 14/01/2018 21:51:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Per chi suona? A volte per gli stolti a volte per i saggi. Tu, che non hai bisogno di plausi e corone di alloro, ti professi come Socrate ignorante. Forse la campana/campagna suona per i vinti dalle circostanze della vita o per i vincitori che se ne infischiano delle triviali battute nella bettola affumicata del web.
Perché la via lattea o la sentiamo dentro di noi e ne seguiamo la scia incuranti del marciume sulla Terra oppure la guardiamo dal basso verso l’alto illudendoci d’essere un astro.
Per chi suona la campagna? Forse per il villico, ignorante ma sano di mente, scarpe grosse e cervello fino.

 Franco Bonvini - 14/01/2018 21:04:00 [ leggi altri commenti di Franco Bonvini » ]

Io forse non ho capito di che campagna parli ma c’è un bel pezzo strumentale di Mesolella in "suonerò fino a farti fiorire". Sonatina improvvisata di fine estate.
Che sia la stessa campagna fiorita?

 Luca Gamberini - 14/01/2018 19:55:00 [ leggi altri commenti di Luca Gamberini » ]

Il titolo, così come lo svolgimento, è geniale! Adoro.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.