LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
Mia figlia far�� la cassiera

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Mia figlia far la cassiera,
Se sar fortunata far la cassiera
O la donna delle pulizie in una ditta importante
Se sar fortunata. Non laureata mia figlia,
D'altronde non tutti e non sempre
Nascono coi genitori giusti
O portati al sapere.
Cos mia figlia far la cassiera
Se sar fortunata. Una volta
Almeno si sperava nel buon partito, ma oggi
Dei buoni partiti abbiamo solo le ceneri
E poi giustamente le donne
Hanno conquistato la loro indipendenza
E l'idea di dipendere da un uomo per noi oramai
diventata una bestemmia profana.
Mia figlia far la cassiera se sar fortunata
O la donna delle pulizie dentro gli uffici, se sar fortunata.
Una volta almeno c'erano le fabbriche,
Che non erano certo il paradiso ma neppure
Questo inferno della disoccupazione;
C'erano ancora le fabbriche ieri,
Un'era che oggi appare lontana.
Chiss se mia figlia far mai la cassiera.

Commento non visualizzabile perch l'utenza del commentatore stata disabilitata o cancellata.

 Loredana Savelli - 21/02/2018 09:34:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

L’ho molto apprezzata per il tono amarognolo e sincero. Per quello che non dice, facendo parlare il dato di realt. Perch una poesia fiera.

 Ferdinando Battaglia - 21/02/2018 06:39:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Far, mettiamo in discussione l’egocentrismo delle classi dominanti (anche gli intellettuali vi appartengono, salvo eccezioni): forse la rovina la loro e non la tua...


Grazie a tutti.

 Edi Davoli - 20/02/2018 20:46:00 [ leggi altri commenti di Edi Davoli » ]

Piaciuta Ferdinando, un triste spaccato della nostra societ.

 Salvatore Pizzo - 20/02/2018 17:06:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

...Mi pare che l’abbia gi detto qualcuno non molti anni fa: non si pu pretendere che, i figli dei lavoratori, abbiano le stesse possibilit di quelle di un medico o professionista. Si era quasi chiusa quella finestra che permetteva una certa mobilit sociale. Le scuole serali permettevano di acquisire quel tanto che permettesse ad un lavoratore di conquistarsi un pezzo di carta per non essere pi considerato mera forza lavoro. Poi, con il governo dei tecnici, arriv la chiusura definitiva: il lavoro non pi un diritto, un ascensore sociale, bens una elargizione dall’alto, un atto di magnanimit per il quale non si pu che essere eternamente grati, sempre che ce ne sia data la possibilit. Sembra siano passati anni luce: la meritocrazia s’ trasformata in sistema autocratico che ricostituisce caste, ingessandole per garantirne i privilegi al loro interno...
Giunge forte e chiara, peccato che non ci sia peggior sordo di chi non vuol sentire...
Un caro saluto.

 Franca Alaimo - 20/02/2018 16:29:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

una poesia "arrabbiata" anche se i versi scorrono limpidissimi.
Ma le stoccate sono tante: ai partiti politici, andati in cenere; alla nuova povert progettata dal sistema economico; alla casta che se ne strafrega del destino dei deboli (tanto, i figli di pap vanno a studiare all’estero o nelle pi prestigiose universit).
Se l’ideale diventato cos modesto e pur tuttavia difficile da raggiungere, dobbiamo chiederci cos’ successo, cosa, cosa di tanto orribile e perch...
Una bella poesia impegnata questa di Nando.

 Robert Wasp Pirsig - 20/02/2018 11:38:00 [ leggi altri commenti di Robert Wasp Pirsig » ]

Mi piaci, belluomo: creativo, ironico, sottotraccia on the road. La tua natura espressiva un bosco molto ricco di perenni e more.
Grazie.

 Laura Turra - 20/02/2018 11:24:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Tema di estrema attualit, quello del lavoro, uno dei pi importanti da affrontare. Indipendentemente da quello che far tua figlia nella vita, spero che sia felice.
Tutto e tutti oggi dicono ai giovani che bisogna mirare a quello che si pu raggiungere, senza alzare troppo lo sguardo, e cercare di stare bene. Ma c’ una grande differenza tra "stare bene" e "essere felici". Si deve domandare insistentemente di essere felici. E la felicit sempre, indissolubilmente legata all’intuizione di un oltre.
Un grande abbraccio, Nando!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.