LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
Cercami ancora

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Cercami ancora

In questi giorni della durezza,

La fatica del viaggio ti segnerà il volto

Ed i tuoi piedi lacrimeranno il pianto

Di chi ha conosciuto il sangue di un tempo

Votato alla morte. Anche l'ultimo 

Sogno ha ceduto alla resa, c'è odore 

Di morte su questi marciapiedi,

Qualcuno vive tra la nostra indifferenza.

 

 

 

 

 Alessandra Ponticelli Conti - 29/03/2018 11:32:00 [ leggi altri commenti di Alessandra Ponticelli Conti » ]

Una poesia profonda che esprime magistralmente la tanta e pericolosa indifferenza che ci circonda.
Un abbraccio forte forte
Alessandra

 Elsa Paradiso - 28/03/2018 09:29:00 [ leggi altri commenti di Elsa Paradiso » ]

Poesia struggente ... l’indifferenza annienta.
Ma il cercare ... chiama la speranza.
Ciao, Nando.

 Laura Turra - 28/03/2018 07:46:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Nando, rileggo il testo, con gli occhi resi limpidi (non più miopi) dalla tua spiegazione. Esso ora acquista il valore originario, quello che sempre il poeta mette nel suo scrivere. Riuscire a cogliere in pieno l’intento poetico è capacità che si affina col tempo e con la quotidiana frequentazione poetica.
Ancora di più grazie per quanto esprimi e per la tua presenza.
Ti abbraccio, sempre

 Ferdinando Battaglia - 28/03/2018 07:00:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Grazie a ciascuno di voi.
Laura, tu sei poeta di fine sensibilità e di squisita scrittura, nonché credo di un’ispirazione costante e più meditata, una castità virtuosa della lingua la tua; diversamente, per motivi di varia natura, a volte la scrittura, con l’aggravante della pubblicazione, tracima, esonda ogni controllo razionale o comunque precede un progetto artistico, simile FI più quindi a flussi di coscienza ov ero ad intrecci tematici o ispirativi occasionali (non sempre accade così, altre volte l’autore è maggiormente presente "autorevolmente" presente; inoltre, il lettore è "proprietario" apre dell’interpretazione del testo, cioè vale per la sua lettura ciò che vi coglie, soprattutto dei sensi impliciti, stiamo in un ambito connotativo della lingua e non denotativo, potremmo dire. Detto questo, in parte hai ragione: ero partito da un appello amoroso, è poi apparso il pensiero della Pasqua imminente, da lì mi è venuto in mente il dramma di chi è costretto in schiavitù a sopportare vite di degrado fisico e morale, di cui spesso i nostri marciapiedi sono testimonianza sia del male sia della nostra indifferenza o incapacità alla soluzione. Insomma un ibrido poetico, neppure poesia. Chiamiamo scrittura simil-poesie.

Ti abbraccio fortissimamente

 Ferdinando Battaglia - 28/03/2018 07:00:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Grazie a ciascuno di voi.
Laura, tu sei poeta di fine sensibilità e di squisita scrittura, nonché credo di un’ispirazione costante e più meditata, una castità virtuosa della lingua la tua; diversamente, per motivi di varia natura, a volte la scrittura, con l’aggravante della pubblicazione, tracima, esonda ogni controllo razionale o comunque precede un progetto artistico, simile FI più quindi a flussi di coscienza ov ero ad intrecci tematici o ispirativi occasionali (non sempre accade così, altre volte l’autore è maggiormente presente "autorevolmente" presente; inoltre, il lettore è "proprietario" apre dell’interpretazione del testo, cioè vale per la sua lettura ciò che vi coglie, soprattutto dei sensi impliciti, stiamo in un ambito connotativo della lingua e non denotativo, potremmo dire. Detto questo, in parte hai ragione: ero partito da un appello amoroso, è poi apparso il pensiero della Pasqua imminente, da lì mi è venuto in mente il dramma di chi è costretto in schiavitù a sopportare vite di degrado fisico e morale, di cui spesso i nostri marciapiedi sono testimonianza sia del male sia della nostra indifferenza o incapacità alla soluzione. Insomma un ibrido poetico, neppure poesia. Chiamiamo scrittura simil-poesie.

Ti abbraccio fortissimamente

 Salvatore Pizzo - 27/03/2018 18:42:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Duro assai abitare l’indifferenza: è poco meno scomodo che non esistere...
Un caro saluto

 Sara Cristofori - 27/03/2018 18:00:00 [ leggi altri commenti di Sara Cristofori » ]

eppure c’è un velo di speranza in quel "cercami", nonostante l’indifferenza del mondo...

 Laura Turra - 27/03/2018 09:20:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Scusa, manca una acca... ma del resto è lei che è muta :)
Leggi "Mi sono domandata cHi sia il soggetto..."

 Laura Turra - 27/03/2018 09:15:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

"Cercami ancora / In questi giorni della durezza..."
Caro Nando, so che sbaglierò senz’altro l’interpretazione di questa tua (dimostrando così la mia totale incapacità di lettura).
Mi sono domandata ci sia il soggetto che pronuncia queste parole. Io non l’ho veramente compreso, se sia il poeta o altri. Mi piacerebbe, però, che a parlare fosse l’Amore. Unico capace di sciogliere la durezza e l’indifferenza dei nostri giorni.
Mi piace sempre leggerti e perdonami se il commento avesse travisato l’intento del tuo testo.
Ti abbraccio forte

 Franca Colozzo - 26/03/2018 13:24:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Purtroppo il sangue di un tempo, pur se grida vendetta (ma la memoria storica è miope), giace tra l’indifferenza generale. Ormai è ridotto in grumi rugginosi, color terra, la stessa terra cui tutti torneremo. E intanto... Ci sbraniamo vicendevolmente per un pugno di niente!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
 
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.