LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
Frammento di un ricordo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Non dimenticherò la tua casa

il numero delle stanze, il lungo corridoio,

non lascerò sbiadire nella memoria

il tavolo rotondo, le quattro sedie

il giallo della fòrmica, infine il gatto

con il nome vicino alla punteggiatura;

né dimenticherò quello scorcio di prato

sotto le mura che cingevano di un confine un'altra casa

e i quattro vagabodi o zingari stranieri

che suonavano all'ora del tramonto la loro libertà

generando un mito nella mia fantasia di bambino.

Nulla dimenticherò di quella casa, oggi

che non ho più case antiche dove sognare

un futuro con radici che penetravano il passato.

 

 

 

 

 Valentina Rosafio - 13/08/2018 15:18:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Carissimo Nando, credimi, sono io commossa!

 Ferdinando Battaglia - 09/08/2018 02:36:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Carissima Valentina, ogni volta ritrovati è una lacrima di commozione, come se ciò che qui abbiamo condiviso allora, di cui Pietro ora e per sempre è icona, oramai è uscito fuori dal tempo per appartenere al mito; o almeno io sento così.

Un forte abbraccio e grazie

P.S. Torna presto! Voglio leggere i tuoi versi...

 Valentina Rosafio - 30/07/2018 12:58:00 [ leggi altri commenti di Valentina Rosafio » ]

Struggente aggrapparsi così ai ricordi. Quanta passione nei tuoi versi e che bella chiusa!
Un abbraccio

 Franca Colozzo - 24/07/2018 00:45:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Anch’io non ho più case antiche dove sognare e dove vorrei tanto rifugiarmi per rincorrere i sogni della fanciullezza. Sprangate sono le porte ed i ricordi come fantasmi vagano nel giardino dei sapori e degli odori della mia infanzia.
Tutto resta intatto nella mente di un adulto come un film visto e rivisto tante volte. Ma è bello ricordare perché attraverso i ricordi prendono vita forme di un passato che, attraverso gli occhi di un bambino, appariva ammantato di magia.
Spero che le tue memorie accompagnino sempre i tuoi passi affinché quella gioia passata possa rivivere ancora. Buona notte.

 Laura Turra - 20/07/2018 08:18:00 [ leggi altri commenti di Laura Turra » ]

Un testo accarezzato da una lieve malinconia, quella che sempre attraversa i nostri ricordi più belli. La memoria riporta vivo agli occhi e al cuore ciò che ci è appartenuto e, a volte, non sappiamo se questo ci fa bene o male. Forse tutte due le cose insieme.
Ti abbraccio, Nando.

PS: ma, il gatto, come si chiamava? Che so, Virgola? DuePunti? Puntino? Se fosse stato di Emily magari si sarebbe chiamato Trattino. Emily però non possedeva gatti, ma un cane chiamato Carlo.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.