LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Ferdinando Battaglia
In memoria di C.

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ho imparato ad avere
misericordia dei morti
a non distinguere
tra gli eroi e i senza un volto,
i senza un nome
da ripetere a memoria.

Ho imparato ad avere
misericordia di Dio,
nel dolore dei morti
ho perdonato la sua santità.

Ho imparato a soffiare
il nome dei morti
sulle pagine della mia vita,
i loro occhi
furono il mio specchio
nei miei anni migliori
quando abbozzavo
un sorriso da uomo.

 Ferdinando Battaglia - 03/11/2020 22:46:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Salvatore, Arcangelo: preziosa ogni vostra parola, che di ognuno dice la ricchezza interiore ed intellettuale, ognuno di voi dicendosi dona di sé e arricchisce di bellezza il mondo.

Grazie, un caro saluto

 Arcangelo Galante - 02/11/2020 10:36:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Gentile Nando, imparare è sempre un dono, anche se lo facciamo a partire da un dolore che sembra essere infinito e insopportabile.
È una spiacevole opportunità che, talvolta, aiuta ciascun uomo a divenire persona migliore, giacché lo rende cosciente del fatto che, dopo essere arrivati in cima alla sofferenza, rimane necessario ridiscendere, per trovare nuovi scopi esistenziali utili nel proseguire il proprio cammino.
Il dolore può essere così profondo che, imparare da esso, implica un enorme cambiamento del nostro io interiore: sono gli urti ricevuti a segnare la nostra esistenza individuale e a ricordarci che può esserci un prima e un dopo, intorno ad essi.
E sicuramente sino a quando non arriva, non ce lo aspettiamo, ma quando finisce, è ormai parte dell’anima.
Quindi, il dolore rimane lì, sotto forma di esperienza di vita e di strumento utile a intraprendere nuove avventure, in quanto la vita stessa è un’avventura che ha bisogno di grandi successi e uno dei maggiori risultati che si possono ottenere è comprendere il motivo della presenza del dolore e sforzarsi d’imparare da esso.
Pertanto, si potrebbe affermare che il dolore è un maestro, in quanto, grazie ad esso, riusciamo a vedere il peso di un prima e l’importanza di un dopo: ne usciamo proprio come chi, all’entrare in un tunnel di fumo, si sente disorientato e non sa dove andare, ma quando ne esce e vede di nuovo chiaramente, si sente vivo davvero.
In questo modo, sentiamo noi stessi, quando impariamo dal dolore e, una volta passato, ci rendiamo conto di tutto quello che siamo e che non sapevamo di essere, osserviamo ciò che c’era e non vedevamo, e comprendiamo che il dolore ci insegna a guardare indietro, ma solo per prendere la spinta necessaria nell’andare avanti.
La poesia mi è sinceramente piaciuta, perché ho avvertito appieno ogni fibrillazione del tuo animo, legittimamente rattristato, e non lo scrivo per vittimismo ma credi che io pure, come moltissima altra gente, sto attraversando un dolore inesplicabile, sapendo di poterlo superare, visto che non sempre è possibile bandirlo subito.
Scusami se mi son troppo soffermato a lasciarti impressioni e considerazioni scaturite dalla lettura del testo, a cui i complimenti vanno, in virtù di una dedica impregnata di sensibilità.
Buona vita e grazie per avermi letto!

 Salvatore Pizzo - 01/11/2020 03:30:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Pizzo » ]

Spero che non ti dispiaccia se rimango a leggerla ancora qualche volta: è una di quelle poesie che vorrei avere imparato a memoria. Anche se ho una memoria che mi impedisce di imparare le poesie a memoria.
Un caro saluto

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.