LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Piero Passaro
Black Swan - Considerazioni

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Come l'incanto , che solo la leggiadria di un Attitude o Assemblè può concedere agl'occhi ; come il ristagno , che durante una preparazione tende la mente e il fisico.
Il Cigno Nero ci regala la storia di Nina Sayers (una "doppia" Natalie Portman da oscar) , ballerina di una compagnia di danza di New York. Nina si impegna profondamente nella danza, concedendo , grazie al suo perbenismo imposto (dovuto alla convivenza con una madre ultra-apprensiva) , i sacrifici che quest'arte richiede. Thomas Leroy (Vincent Cassel), direttore della compagnia, annuncia di voler cominciare la stagione con il Lago dei Cigni. Il consueto ciclo descrittivo degli elementi classici della danza - feticismo per i tutù , insegnanti esigenti che forzano i ballerini alla sbarra, i problemi di insicurezza - vengono in quest' opera a mancare. Nel film di Aronofosky infatti, i temi principali sono molteplici. Il cinismo della danza classica (qui portato a livelli estremi) è lo sfondo che illumina e procura tono all'altra tematica ; un dualismo che trova nel lago dei cigni (musicato da Pëtr Il'ič Čajkovskij e danzato da infiiniti interpreti) la più incalzante miscela di emozioni. Nina viene scelta come Odette, la prima ballerina, ma deve dimostrare di poter veramente interpretare anche il cigno nero Odile , gemella cattiva della protagonista. Leroy spronerà la protagonista spingendola ad arrendersi alle passioni attraverso alcune pulsioni sessuali. Qui risaltano (un po' alla rinfusa) diversi concetti Freudiani ; il regista trasmette il concetto che proprio attraverso la "liberazione sessuale" la protagonista potrà davvero essere perfetta per la parte (dove la perfezione non hai mai portato tanti sacrifici come qui). L'altra Nina si fa stra attraverso un altro personaggio, quello di Lily (una super sexy e disinibita Mila Kunis), la ballerina che rappresenta tutte le qualità del cigno nero. Nina finirà poi per ossessionarsi al ruolo , giungendo ad una pazzia allucinatoria.
I toni molto dark (anche dal punto di vista dei colori , che sono molto cupi) rendono una visione struggente e deprimente del percorso della ballerina, la cui metamorfosi metaforizza alla perfezione il cambiamento psichico di Nina. Questa bi-personalità che la protagonista acquisisce può essere interpretata come il vivere della danza, di ogni singolo passo delle ballerine. Il cigno bianco rappresenta la vita tranne la danza, e il cigno nero è ciò che avviene quando si danza : si trascende in una nuova persona, un nuovo individuo, una nuova creatura perfino.
La perfezione del ruolo richiede sempre un sacrificio ; Beth , ad esempio (una opaca e sciupata Winona Ryder) viene distrutta dal suo carattere autodistruttivo rispetto alla protagonista , che per la parte, si immola addirittura.
Tecnicamente il film si è rivelato di buon spessore, sottolineando le scelte artistiche di trasformare la Portman letteralmente nel cigno nero con segnali forti, anche un po' rozzi ma che portano a termine il compito di stupire il pubblico con un giusto pizzico di orrido e macabro (autolesionismo della protagonista) unito ad una componente sensuale grazie alla bellezza della Portman, arrecano a tutta l'atmosfera del film il giusto colore per il giusto tema, il nero, ed il cigno che n'è intriso.
Ri-complimenti alla Bi-Portman!

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.