LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Piero Passaro
Domenica mattina , ferragosto

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

 

Apro gli occhi. La luce è vasta e penetrante, nonostante sia suddivisa dagli spioncini dell'aria sulla tapparella. Oggi è il primo giorno che ho sentito freddo da quando ci ha abbandonato l'inverno ; un lieve sentire d'un brivido d'aria piuttosto che le freddure pungenti dell'inverno , ma che colpisce dritto nell'anima. Resto là a subire la situazione nonostante sia davvero tutto molto scomodo : questa luce divisa, questo freddo e una nausea da premio nobel. Sono le 8.24. E' strano , dovrei dormire visto gli orari a cui mi sottopongo. Speravo fossero solo le emicranie ma ora si aggiunge anche questo dolore allo stomaco , un dolore lancinante che non so da dove  provenga. Più passano i minuti e più sento che non vorrei esistere. Un vero e proprio momento di panico mentale ; nonostante la nausea e il debole, classico, immancabile mal-di-testa. Rigirarsi nel letto tenendo gli occhi chiusi, sperando che tutto cambi con poco, non serve. Penso che se urlassi sarebbe meglio. Urlare come un soldato in zona di guerra che si carica e poi và all'attacco, sprezzante per le paure e le ferite, mentre il cervello suggerisce di non muoversi. Ma diamine, non posso urlare ora , sveglierei tutto il vicinato. Potrei ascoltare qualche canzone, quelle che ascolto in momenti come questi , momenti in cui qualcuno può urlare per me. Sarà forse questo il motivo per cui apprezzo più che ammirare, un determinato genere di musica. Ogni volta mi chiedono : " come puoi ascoltare simili oscenità e gruppi del genere? " e sempre trovano in me un sorriso che dice : "Li ascolto per necessità..." questa necessità. Urlano per me quando non posso io. E non è che uno sfogo. Per tutta la casa e per l'intera planimetria tutto è molto simile ; un malriposto senso di solitudine accompagnato dal consueto "piccolo freddo" di prima. L'alba c'è già stata , inutile aspettarla. Nonostante mi concentri a scrivere tutto ciò , a pensare belle frasi del cazzo da scrivere ,a sperare che qualcuno legga e mi pensi, non riesco a distrarmi dai miei demoni interiori. Peccato, per un secondo sembrava funzionale.

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.