LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Patrizia Pallotta
Pap�� Gugol di Paolo Di Paolo

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Papà Gugol

di Paolo Di Paolo

 

 

 

 

Anche in questo libro lo scrittore Paolo Di Paolo ha saputo coniugare il magico, il fantastico e la realtà.

Questi tre elementi giocano fra loro, rincorrendosi fra le pagine, invogliando

il lettore a immedesimarsi nei personaggi, nonni e bambini che siano.

In apparenza è un testo dedicato esclusivamente ai fanciulli ,ma in realtà i

suoi contenuti metaforici abbracciano ogni età.

Nonostante il titolo tecnologico, Il Signor Gugol è quello che meno fa sentire

la sua voce, è solo uno spunto per trarre deduzioni sul mondo odierno, para-

gonato ad un lontano passato, prima che la tecnologia entrasse nella nostra vita.

Chi scegliere se non le figure dei nonni, eterni emblemi della parola “antico?”.

Quindi il Signor Gugol da protagonista, viene emarginato un po’ quando nella

vita di Carl, ( la vocale O si è persa, o  forse fa tendenza, o si può trovare

in qualche vecchia lattina di coca-cola) in numerose difficoltà; il ragazzo vorrebbe

fare amicizia , tenerissima peraltro, con Emilia, la nuova vicina di casa, ma teme

di darle l’usuale benvenuto in quel disastro, dove la musica non è stereofonica

e dove tutto odora di obsoleto.

Il Signor Gugol, è invece il padrone nella casa di Emilia e sa dare soluzioni varie

alle domande poste. Ma è davvero così che funziona?. Spesso si inceppa, richiede

tempo per sistemarlo, divora hacker e distrugge ogni lavoro, se non salvato su

piccole penne dalle forme stranissime.

Forse le soluzioni si ottengono con la pulizia dei sentimenti e della semplicità.

Carl, scrive sul suo quaderno ( bellissima la grafia), una serie di vantaggi che

potrebbero essere tratti da una lista, stilata da lui con grande volontà di

intenti, opzioni diverse per coniugare i due mondi.

In  Via Spensierati, nella casa dei nonni dove tutto vola sotto metafora, esiste un disordine  universale, un negozio di robivecchi divertente, se cerchi qualcosa, di certo ne trovi un’altra.

Lampadine, cacciaviti, stucchi, cornici ed altro hanno trovato la loro dimora ideale da Carl e si riprendono la dignità tolta loro dalla tecnica avanzata.

I disegni sono bellissimi, rappresentano un cuore fanciullo, non credo siano

volutamente infantili, bensì sgorgano dalla facilità di una “penna bambina”,

e da una parte dell’enciclopedia “del cuore”.

Altro tema : la scelta del “modus vivendi” . Alcuni  avvertirebbero, disagio nella

nella casa di Carl, mentre trarrebbero  benefici solo in casa di Emilia Questo particolare riporta,  ritengo, molte persone a riflettere e guardarsi intorno sia nell’appartamento che occupa, che nel lavoro. Le cianfrusaglie affastellate qua e là portano anche tanta allegria e tanti ricordi, ma l’odierno non ti permette di vivere di ricordi, il tempo ti sospinge verso la tecnologia, specialista nella fretta di concludere, non certo quella di cercare una spina o un altro oggetto fra mille cose arrugginite e desuete.

Il consiglio saggio e finale dell’autore che si legge in quarta di copertina , è la

sollecitazione a non chiedere sempre a Gugol che sa tutto, ma a stimolare il

nostro cervello a risolvere qualche enigma.

La piccola Emilia, è felicissima di stare nella casa di Carl e con i suoi nonni, che

rappresentano una generazione passata, ma forse vissuta con più modestia e

con la bellezza che solo le cose semplici e genuine ti sanno regalare.

Grazie all’autore, ogni tanto rileggerò questo libro per entrare nel mondo disordinato che tanto amo e mi riporta al piccolo sgabuzzino dove avevo un armadio che raccoglieva anche ritagli di giornali su articoli interessanti e tanti piccoli oggetti dai quali non avrei mai voluto separarmi. Era il mio mondo segreto, dove un vecchio

baule sistemato in fondo raccoglieva i miei momenti; era il mio “pensatoio”, o quando volevo essere cercata, mentre al lume di una lampadina scrostata leggevo

 tanti autori, con estremo interesse e passione, autori che non portavano ancora il nome di Paolo Di Paolo.

 

Patrizia Pallotta

 

 

 

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.