LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuseppe Nutini
Galassia Speranza

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
(Anni luce, fatevi mesi !)

I Suoi non erano versi, Signor Bloch,
ma la Speranza la sapeva cantare.
Su queste coste non hanno fatto toc,
troppa natura accerchia, troppo mare.
Ed eccoci nel teppismo culturale
che subiamo da schiavi lusingati
d’avere (si spera) legni esentasse
ville plurime e leggi basse basse.
Allora (si spara), quel Fascismo
non dev’essere stato tanto male!
A distanza d’anni, sessanta andati,
spari diversi, beh, suonano uguale.
Forzati dall’ottimismo governale,
abbiamo risuscitato il Leviatano
che eccelle a coprirci di vergogna:
naviga a svista, senza portolano,
ma per i pochi immuni dal baccano
è un fetore che porta nella fogna.
Signor Bloch, Lei ha scritto, lontano
dalle pire dove bruciò la Sua gente:
”l’importante è imparare a sperare,
la speranza non rinuncia perché
desidera avere successo di per sé
invece che fallire. Vuole uomini che
si gettino nel nuovo che si va formando,
a cui essi stessi appartengono”.
Ed io credo, credo strenuamente
che la speranza non è pari a niente,
è un principio, non un accidente,
la speranza non è un maggiordomo,
è sempre sobria ed è sconvolgente.
La speranza, signor Presidente,
è la Dea discesa in un uomo
salito da equatori ”abbronzati”:
il primo africano d’Occidente
che regna e tutti ci ha collegati.
Al Cairo ha detto che non importa
il nome del proprio Dio: suoi figli
siamo e dobbiamo aprire la porta
a Irene, ultima Dea, che ci scorta
con i suoi più comprensivi consigli
al pelagico ’Noi’ dopo i tragici ’io’.
Pace ha detto, Presidente, non guerra
ed Abbraccio ha detto, non tritolo
sganciato sul seno di Madre Terra
dal Suo misero amico bombarolo.
”Lo sperare allarga gli uomini,
non si sazia mai di sapere cosa
li fa tendere a uno scopo e cosa
all’esterno può essergli alleato”,
ha scritto ancora il Signor Bloch.
Ma gli elmi ammaccati d’Occidente
non vedono che il vento è girato
e neanche Lei, grigio Presidente,
in altri laidi giochi impegnato;
nella Certosa, ascetica poco,
ci rotocalca lo squallido fuoco
che Le prende di godere il mondo,
fino alle foci della Garonna,
da Lei ridotto al tondo abusato
cotto e mangiato di culi di donna
sopra il Suo batacchio venerato.
Io credo che Lei senta il momento
di un bis applaudito del Ventennio:
il popolo teleipnotizzato
dovrà decidere se il Parlamento
potrà tirare un altro decennio
o presto dovrà essere congedato
con rossoneri drappi e Orogatto
come s’usa nella Sua azienda,
che rileverà tutti con contratto:
mille postille e tempo determinato.
E saprà chiudere l’intera faccenda
poggiando il Suo discutibile mento
al di sopra dei poteri dello Stato
e del Mal Paese, da Lei tramutato
in un gregge di capre belanti
e tutte le famiglie, suoi dipendenti,
si specchieranno nello sgomento
di sentirsi dopo anni (ma non tanti)
un’orda collaudata di dementi.
Ma, vede, Le resiste una differenza:
tra Lei sazio e molti che non sono
e non è, creda, pura coincidenza
che non la veda dentro il frastuono
che scroscia dalle Sue televisioni;
ma già spigano internaute visioni
su come rovesciarLa giù dal trono.
La Speranza allarga, diceva Bloch,
dall’altra parte, serve buone carte
sta con i digiuni e veste da cuoco,
è un croupier che fa un altro gioco
dove a vincere sono i perduti
che tante volte sono stati fottuti.
La speranza cancella ogni reato
e cerca con noi il nuovo scopo,
è la divina prescienza del dopo:
disegna per noi un tenue filato,
per i suoi amici sopravvissuti,
mostrandoci dopo quest’inverno
chi è, all’esterno, quell’alleato.

 Peppe Nut - 12/02/2010 00:53:00 [ leggi altri commenti di Peppe Nut » ]

Grazie ragazzi, vi voglio un bene della Mad. Tracimate tutti così vasto affetto che non se meritarmi davvero o maritarmi ad Alghero. Ehm, se posso rifare sostituirei con: ammogliarmi, che è meglio. Roberto, tu naturalmente farai come meglio credi ma attento che il pubblico è uno strano animale: quel che a te è piaciuto a lui potrebbe sgradire terribilmente. Grazie anche a Maria Musik, sempre tanto prodiga di pralinate parole per me, e al nuovo amico StefSab, a cui per vigliacco imbarazzo non rispondo. Sì Salvatore: spero ancora, per quanto sia una speranza di salvataggio nata dall’incazzatura stellare (anzi, da Galassia) per il laido, untuoso, criptofascista utilizzatore finale che ci defeca in testa da tre lustri, ed anche dalla sana invidia agli statunitensi di avere a capo un uomo così capace, retto, coraggioso e cristallino, vaccaduncane!
Grazie amici, siete molto carini; non tutti ovviamente: chi più chi meno. Secondo Natura : )

 Salvatore Violante - 11/02/2010 23:11:00 [ leggi altri commenti di Salvatore Violante » ]

Cosa dirti Peppe. Un testo importante e disperato. Oggi il tg ha annunciato un altro complotto dei magistrati. I pubblici ministeri che per legge devono perseguire i reati, per bocca del nostro primo ministro hanno da vergognarsi. Si certo, il parlamento esiste ancora ma è da riformare e riformando riformando finirà per deformarsi in consiglio aziendale. Sei giovane e fai bene a sperare, ma quì non ci resta che piangere se è vero che persino coloro che li pigliano dietro, i calci, non sanno dove andare a sbattere la testa (tradurre chi votare),dal momento che esperienze passate hanno dimostrato che sposando Veltroni ci si è trovati a letto con Mastella ed è un ben dire....

 Roberto Perrino - 11/02/2010 22:11:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

epica/picaresca
attualità purissima
boombastic Mr. Peanuts
(ci metto un segnalibro per una prossima pubblica lettura)

 Peanuts - 11/02/2010 17:46:00 [ leggi altri commenti di Peanuts » ]

Sei nata per farmi le bucce. Grazie : )

P.S. Ho pescato proprio da lì; con me, quindi, c’era anche un grande pittore.

 Loredana Savelli - 11/02/2010 16:53:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Da Wikipedia: « L’importante è imparare a sperare. Il lavoro della speranza non è rinunciatario perché di per sé desidera aver successo invece che fallire. Lo sperare, superiore all’aver paura, non è né passivo come questo sentimento né, anzi meno che mai, bloccato nel nulla. L’affetto dello sperare si espande, allarga gli uomini invece di restringerli, non si sazia mai di sapere che cosa internamente li fa tendere a uno scopo e che cosa all’esterno può essere loro alleato. Il lavoro di questo affetto vuole uomini che si gettino attivamente nel nuovo che si va formando e cui essi stessi appartengono » Ernst Bloch

Aveva ragione!!!
Anche tu.

 Maria Musik - 11/02/2010 14:52:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Notevole, non c’è che dire. Difficile tirarla via tutta d’un fiato, eppure, ce l’hai fatta! Anche io, mi inchino.

 Stefano Sabattini - 11/02/2010 08:41:00 [ leggi altri commenti di Stefano Sabattini » ]

bel testo, per forma e contenuto, la speranza è l’ultima a morire e la pazienza è la virtù dei forti, si dice, e anche, la classe non è acqua, il mio rispetto, mister.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.