LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuseppe Nutini
Al Giusto Destinatario

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Il biglietto in cui Ti ho sempre scritto:
”sono nel giusto, lo faccio perché è giusto”
andava spedito a Te, non agli acquatti
fecali di banditori a quattro zampe,
né alla Terra come direzione corretta
per la regione ferrosa del solidarismo.
Non agli abachi di mezze cifre forzate
a fare solo totali e mai una somma;
né all’isola calva dai cannoni spaccati
puntati qua a tirare bussole di cartone.
Andava spedito a Te, Giusto Destinatario
che Sei l’Esperto di segni e calligrafie,
che Sei Chi Distingue il pari dal dispari,
il grano dal loglio, il petalo dalle bucce,
il cane dalle iene, la perla dalle biglie;
a Te, che Sei Chi Dà Capitolo in Voce,
anche se cariata lorda guasta putrida
anche se scialba agra avida come la nostra.
Hanno detto di mandarlo a Te il biglietto:
Te lo invio con tutto lo slancio che occorre
ai più abili lanciatori di boomerang.
Ricevilo nella Tua Casa a larghe colonne
ora che i fianchi sudano, Aprilo e Leggilo
con gli occhiali d’oro e il Sorriso che affiora,
ora che i fianchi sudano e il polso croscia
nello sforzo che occorre al mio braccio.
Leggilo e Richiudilo, se Sarai soddisfatto
Rispediscilo col timbro delle Poste Regie
e la Tua firma che Brilla dentro la busta.
Dicono che Rispondi presto, che Ti piace
chi ha cercato il giusto e non il Destinatario
che Sta sul monte e Cura e Stende ad orlo
i ventagli verdi e le bacche rosse della Vite
tra rupi artigliate e smerigli di abetaie.
Dalla Tua Cima scende chiara la possibilità
che quello che lanciavo in avanti o in basso
o sulle teste fasciate dalle pergamene,
andava scagliato in Alto, oltre la diga
delle grandi rocce che trattengono il Cielo:
all’indirizzo esatto del Giusto Destinatario.
Potrai tardare, ma quale attesa ritarda?
La mia è fiduciosa: per quell’Ampiezza
che Hai Voluto mostrarci nell’ora limpida
prima che ce ne ritornassimo a valle.
Guardiamo ancora il Tuo Arco da qui,
le mani stese a visiera sopra gli occhi.


(Castelpetroso, Ago08)

 Roberto Perrino - 16/02/2010 03:16:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

esoterica! centuria ordinata di oscuri misteri!

 Penuti - 15/02/2010 23:52:00 [ leggi altri commenti di Penuti » ]

Cari tutti, grazie a tutti. Grazie a Maria: Musik per le mie orecchie. Attenzione al poeta vesuviano quando si autodemolisce: è un uomo stupendo, invece, con un cuore che imbarcherebbe oceani ed un’intelligenza che potrebbe deviare il corso dei fiumi. Il tuo modo di cercare Lui, mio Diogene vesuviano, è cercarlo nell’uomo ostinandoti a non perdere di vista tutti noi mentre sgrani gli occhi per intravedere Lui. E Lo trovi, secondo me, con la tua raggiante poesia. Un po’ spurio, un po’ rifratto, ma lo trovi. E non è un piccolo prezzo da pagare dacché ti riesce di smuovere il Cielo dalle zolle impastate di lava e cenere del tuo Monte, del nostro temuto Monte?

 salvatore violante - 15/02/2010 18:12:00 [ leggi altri commenti di salvatore violante » ]

C’ero anch’io. Rivedo le foto di quei fraticelli e quelle giovani suore.
Di là davanti il vuoto del paesaggio. Lontano la strada per Pettoranallo. Ho cercato quello che tu già avevi. La compagnia di Martine doveva aiutarmi molto. Si vede che sono proprio ottuso.

 Maria Musik - 15/02/2010 14:41:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Guardare al monte, dove svettano le guglie neogotiche, a ricordo del segno, del miracolo. Guardare con gli occhi di chi è diventato certo dell’Avvento. Che dire... forse, vorrei essere anche io così serenamente certa che dopo aver bussato, piano piano per non essere udita, qualcuno aprirà.
Bella poesia, belle quelle maiuscole che, come guglie di un santuario vivente, svettano a reclamare la risposta promessa.

 PeaNuts - 15/02/2010 10:15:00 [ leggi altri commenti di PeaNuts » ]

Sì cara, e grazie. Da 2 anni mi Parla sempre più spesso; dunque, è servito. Ma il mio era un cammino di fede: sono andato io a cercarLo, e Lui mi Ha risposto da par Suo : )

 Loredana Savelli - 15/02/2010 06:51:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Molto suggestiva. L’uso delle maiuscole mi fa arguire che si tratta di un Destinatario piuttosto Autorevole: bel coraggio a parlargli in modo così diretto! Credo che apprezzerà.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.