LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Pietro Menditto
Un poeta non è sempre poeta

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Un poeta non è sempre poeta

come un pasticciere non è sempre

uno  prigioniero delle lecconerie.

 

Cosa sono allora i poeti

quando non scrivono

sotto il giogo dell’ispirazione?

 

Si schiarisce la voce la vecchia;

va a confessarsi; si inginocchia

sul legno e comincia a parlare.

 

Il prete non può credere

alla pornografia che quella

gli passa attraverso i fori

 

del confessionale. <<Ha provato piacere?>>

<<Sì, piacere e anche male che, come lei sa,

è l’ingrediente indispensabile per godere

e prima l’ho eccitato con la bocca non senza

essermi tolta prima la dentiera…>>

 

Una lunga pausa segue la confessione

dove mondi cozzano con mondi nel fresco

un po’ umido della chiesa in ombra;

il prete stravolto nell’abitacolo levati

gli occhi a un presumibile cielo;

 

la vecchia che ha fretta e tanta voglia …

Ma la guerra dei mondi non lascia tracce:

nessuno ha vinto, non c’è un quid che affiori

da chiudere in un recinto e il silenzio ingoia

tutto prima che la coscienza animi un fatto.

 

La vecchia quindi si alza per espiare

con le preghiere di rito, ma sente male

solo alle ginocchia e mentre prega

 

pensa al ragazzo che ha sedotto,

a quando lo rivedrà – lei col trucco

un po’ pesante e un negligé che

miracolosamente non si è ancora strappato.

 

Il ragazzo abita di fronte alla vecchia

e quando la va a trovare - portandole qualcosa

da parte del vicinato - fanno ripetutamente

tutte quelle porcherie.

 

Un poeta non è sempre poeta

come un pasticciere non è sempre

uno prigioniero delle pasticcerie.

 

Il ragazzo quando non fotte la vecchia

scrive magnifiche e struggenti poesie.


 Emanuele Zeta - 06/03/2012 18:55:00 [ leggi altri commenti di Emanuele Zeta » ]

fantastica!

 Alessandro Mariani - 15/02/2012 21:31:00 [ leggi altri commenti di Alessandro Mariani » ]

Vi ho visto quasi allegria ( sempre necessaria) nel descrivere l’erotismo. Mi è piaciuta molto ( e vi ho visto quella sublime ironia che Pynchon usa nel descrivere gli orrori e le perversioni de L’arcobaleno della Gravità). Un caro saluto.

 Fiammetta - 15/02/2012 08:59:00 [ leggi altri commenti di Fiammetta » ]

Pur ritenendo la tua una poesia di grande spessore, dove il tormento sovrasta decisamente l’estasi, ne ricavo una sensazione di malessere che decifro attraverso il tuo dolore. Con affetto.

 Loredana Savelli - 14/02/2012 16:22:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

La poesia non è la vita ma la vita, quando è vera, è sempre poesia.

Così ho colto.

Ciao Pietro

 pietromenditto - 14/02/2012 16:05:00 [ leggi altri commenti di pietromenditto » ]

Grazie a tutti, non ho parole.

 Luca Soldati - 14/02/2012 14:14:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

Sì ha ragione Domenico, c’è tutto Corbière in questi versi e, aggiungeri, Villon, ma soprattutto c’è Pietro un grandissimo Pietro il maledetto, terribile, corrosivo, ironico, sublime Pietro.

Nei miei vuoti ti penso sempre poeta!

 Lorien - 14/02/2012 12:32:00 [ leggi altri commenti di Lorien » ]

Se mi ha ispirato un sentimento significa che è un grande poeta! E se in ognuno rispecchia determinate sensazioni, allora è ancora più grande. So io perché questa poesia mi ha fatto paura, perché ogni lettore porta nell’atto del leggere il proprio vissuto, e se trova qualcosa in esso che gli appartiene, il testo gli è più caro e agisce maggiormente sulla sua persona!

 Domenico Morana - 14/02/2012 12:25:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Pietro è un grande poeta! Lorenzo ma di che hai paura?
A pieni polmoni respira la stessa aria che inebriava un Tristan Corbière. È di una forza straordinaria. Di magnifica e struggente poesia.

 Lorenzo Vazzana - 14/02/2012 11:53:00 [ leggi altri commenti di Lorenzo Vazzana » ]

Questa poesia mi fa paura.

 leonora.lusin - 14/02/2012 11:24:00 [ leggi altri commenti di leonora.lusin » ]

Da dove viene l’ispirazione nessuno lo sa, forse anche dagli incontri erotici con la vecchia beghina...non vedo contraddizione... o forse anche il giovane poeta era abitato all’incubo della donna angelicata?
Davvero divertente questa poesia:molto molto maschile

 Teresa - 14/02/2012 10:46:00 [ leggi altri commenti di Teresa » ]

Concordo. Efficace. Stupenda.

 Lorena Turri - 14/02/2012 10:43:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Maledettamente stupenda!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.