LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Pietro Menditto
Radia un lucore il geco

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Radia un lucore il geco

 

Radia un lucore il geco

nella penombra della stanza,

nella quietata notte estiva

che pare umetti la tua fronte

pura e quella del tuo sonno.

Sono certo del tuo,

il sogno del figlio che non nacque.

' Così a me piacque' portava

a firma la calce del decreto

e noi ce ne facemmo

una ragione sfamata di silenzi.

Dura un buio di confuse presenze,

concitate e mi strania in un suo

gorgo dove una faida si strema

di anfibie chimere.

E il geco, la nobile creatura

che abita la luce, gonfia

impercettibili vene ai molli

fianchi di un baldacchino

d'ombre intorno al nostro letto;

nella notte estiva trascorsa

dal cuore assente che non batté nel sole,

che non si addormentò stringendo

nella mano la stella del dio marino,

né quella del suo primo mattino.

La mano che non poté tessere

una storia di minime dolcezze

ai nostri occhi inteneriti né un nido

inestimabile a un tesoro di conchiglie.

Tu dormi e sogni e anche le tue labbra

dischiudi al rosario di ciò che fu negato:

' i tuoi piccoli panni non asciugheranno

al sole della mirabile stagione;

l'iride tua non trasalirà al transito

scomposto del ramarro

nella foresta del basilico;

da una barchetta il tuo grido

non ci avvertirà che in cielo appare

e sghembo si abbandona

il precipite gabbiano

nella estatica rotta'.

Tu dormi e vedi la tua mano tendere

il cibo ad una bocca che scompare.

Ma può l'amore una ferocia

tale che un'anima redima

prima che essa viva.

 

Sia la tua, assente, la sorte

di chi è salvo nudo del sudario,

quella di un re che ebbe il suo regno

in un piccolo giardino oltremondano,

in un cielo che non ha Calvario.


Tu dormi, io ascolto la presenza

viva che sollecita un tuo ansimo

improvviso; colgo sul viso che contrae

la domanda di oggi, d'allora,

la visione che in sogno ti opprime

e per tutte le ombre  due dita

astrali levo che sfiorano il tuo,

il capo della nostra creatura,

del sauro gentile, e un lembo,

solo un lembo, ma infinito, di paura.                                                                                                                                                                                                                                                     

 

 

 

 


 Luca Soldati - 05/08/2012 14:02:00 [ leggi altri commenti di Luca Soldati » ]

....! ....!! ...!!! Più di questo non riesco a dire. Complimenti.

Ti abbraccio

 Pietro Menditto - 05/08/2012 12:48:00 [ leggi altri commenti di Pietro Menditto » ]

Carissimi amici, forse chi ha fame di premi letterari non ha mai ricevuto il dono di commenti così profondi e commossi. Spero che la gratitudine che provo sia almeno pari al cuore e all’intelligenza che hanno ispirato le vostre preziose parole. Perdonatemi se non vi ricambio con altrettanta partecipazione, ma è un periodo di siccità, di desertificazione. Anche la poesia che avete tanto apprezzato è datata e l’ho proposta per aggiungere olio alla lucerna, perché il buio non prevalga.
Vi abbraccio tutti.

 Cristiana Fischer - 05/08/2012 12:22:00 [ leggi altri commenti di Cristiana Fischer » ]

Davvero mirabile la trasfigurazione, il doppio quadro. Il geco "radia un lucore ... la nobile creatura ... gonfia impercettibili vene", accanto la presenza del sogno e dello spettatore del sogno, che sa: due dita astrali "sfiorano il tuo,/il capo della nostra creatura,/del sauro gentile, e un lembo,/solo un lembo, ma infinito, di paura."

 Ferdinando Battaglia - 04/08/2012 22:34:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Pietro, maestro di nobile cuore, sono sempre le tue parole un distillato di arte, preparato e atteso con l’umile silenzio dei grandi.

Con stima e ammirazione

 Luciana Riommi Baldaccini - 04/08/2012 20:04:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Bellissimo il senso che vi percepisco, bellissimo il modo in cui è detto.
Un saluto ammirato!

 Cristina Bizzarri - 04/08/2012 19:41:00 [ leggi altri commenti di Cristina Bizzarri » ]

Si, radia un lucore in questa stupenda poesia che, se permetti, considero anche mia perche’ non avrei saputo scriverla ma il suo senso mi appartiene. Toccante, trabocca di un vuoto che rimanda a un altrove, forse, che non e’ dato sapere.

 Domenico Morana - 04/08/2012 19:35:00 [ leggi altri commenti di Domenico Morana » ]

Trasalisco, se ti leggo, come se una voce oltremontana, ultramarina, mi rifiatasse nel petto tormentato dalla tosse. Pure non ho udito mai la tua voce umana. Forse sei un titano in vincoli che chiama, o è solo la brezza serale che si annuncia a chi dispera. Ti leggo sempre e questa è una meraviglia. Agosto è il mese dei poeti.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.