LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo proposto da Pietro Menditto
Da ’La linea alba’

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]

Da La linea alba

Non cercavo la fine, non era la morte
limprovvisa atmosfera, cercavo la ciurma rarefatta
e il vento della creazione, il niente che si scopre
dietro la vita, dietro lamore.
Perch ci sono spazi enormi da riempire
che sono spazi da inghiottire. Ci sono luoghi che dormono,
come strumenti in attesa dentro le casse,
luoghi di carne, di mascelle spalancate,
luoghi di sgomenti e di resa, luoghi dellamore.
Ma sempre, sempre, dietro gli occhi di ognuno
ci sono gli occhi di un altro che guardano la fine:
le nasse ammonticchiate, prossime al sussulto,
lo stupore dentro lacqua delle ostriche
invasate dalla luce, nostro identico culto
sotto le stelle.
Perch ci sono occhi da respingere
che sono occhi da accogliere.
Ci sono volti che nascono sotto i nostri corpi
e si nascondono tra le coperte
e altri disperati che si confessano e si dileguano,
dolcemente. E sempre, sempre, ogni gesto del chiarore
un gesto dellombra, come lo sguardo separato
delle donne, quando aprono le gambe, lentamente.
Tutto si divincola tutto in fuga.
Nessuno pu parlare di ricordi.
La mano fasciata da un fazzoletto gigante,
legato in fretta, il soffio forte della nascita
lultimo giorno di dicembre, il respiro
di mio padre nella morte vigilata,
una salvietta sporca in un ristorante.
Nessuno pu parlare di ricordi.
Rimane solo il senso di uno smarrimento,
lincredibile rifugio delle cose
che crediamo di spostare, il senso della fine,
il vero sentimento.


 cristina bizzarri - 01/05/2012 17:52:00 [ leggi altri commenti di cristina bizzarri » ]

Bellissima poesia, grazie. Era anche lui bello, sembrava un attore, abitava dove vivo io, a Civitanova. E’ morto giovane, a 46 anni, qualche anno fa. Non lo conoscevo ma avrei voluto. Ha insegnato qualche anno, tra l’altro, al liceo socio-psico-pedagogico. E’ stato una persona in continuo fermento, affascinante e brillante di lucida intelligenza. Bello rileggerlo! (nelle sue incisive letture riconoscibile la "s" dolce marchigiana).

 Luciana Riommi Baldaccini - 01/05/2012 13:16:00 [ leggi altri commenti di Luciana Riommi Baldaccini » ]

Un affresco stupendo della condizione umana. Grazie di questa proposta di lettura.

 Loredana Savelli - 01/05/2012 13:10:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Poesia stupenda, grandissima, eccezionale. La metter tra le mie pi care.
Grazie Pietro.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.