LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliano Brenna
Il sillabico sangue

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Una cospicua raccolta di racconti, questa di Riccardo Corsi, che sembra non seguire un preciso tema conduttore, ma ogni racconto, ogni breve storia che inizia, stupisce il lettore con il suo essere inaspettato dopo aver terminato la lettura del precedente. La raccolta è composta da racconti, ma non solo, vi si trovano anche brevi storie, piccole favole, lampi di ricordi, brevi sortilegi linguistici che il bravo autore intesse tra loro usando un linguaggio agile e ricco, e l’agilità gli permette di portare a compimento una storia anche nel brevissimo spazio di una mezza paginetta, la ricchezza gli consente di non avere mai un tono monocorde nello scorrere delle pagine, come talvolta avviene per le raccolte di brevi scritti, dove la brevità dei flash si sorregge su di un linguaggio che tende a riecheggiarsi, tutt’altro, Corsi riesce a costruire una sorta di struttura polifonica ad una voce – si potrebbe azzardare questa definizione – usando cioè voci e timbri diversi secondo l’atmosfera che vuole evocare senza però perdere mai di vista l’unitarietà della raccolta. Il linguaggio usato dall’autore è molto aggraziato, nitido e fresco, non cade mai in facilonerie o sbaffi linguistici, anzi senza essere saccente è assai sapiente, ma di quella sapienza capita ed elaborata, e che affiora in un uso molto piacevole della lingua italiana, che qui ci giunge bella e pulita.
Gli argomenti toccati in queste scorribande dell’autore sono molteplici e spesso schiudono gli occhi del lettore sulla realtà nel momento esatto in cui smette di essere tale ed assume l’aspetto del sogno o della profezia o si tinge di toni quasi da parabola, sussurrando un monito o ponendo l’accento su qualche stortura della nostra società che rischia di degenerare. Alcuni racconti hanno lo scatto di un aforisma, creati con materia densa e difficile da scrollarsi dalla mente, altri scorrono con leggerezza e sinuosità, come dei veri romanzi in miniatura, la divisione in capitoli raggruppa gli scritti inerenti uno specifico argomento, ma senza assediarli o racchiuderli in uno stretto confine ma usando l’argomento stesso come un vero e proprio trampolino da cui spiccare un singolare volo, per mostrare gli aspetti della vita umana sotto una nuova ed inattesa luce. La maestria che il Corsi esprime in questa raccolta sta forse proprio in questo, nello scostare il sipario del fluire dei giorni reali per mostrare al lettore che dietro ad essi c’è molto di più, basta fermarsi a riflettere o semplicemente lasciandosi trasportare dalla fantasia. Questo Sillabico sangue è sicuramente un libro da leggere e rileggere perché può, come un caleidoscopio, cambiare la sua forma e il suo colore e con questi gettare una luce nuova su ciò che stiamo vivendo, facendo balenare nuovi aspetti e l’idea che forse spesso la realtà del quotidiano è tessuta coi fili dei sogni.

 Mariella Bettarini - 30/01/2010 18:16:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Caro Giuliano, grazie di cuore per il tuo scritto, dedicato al libro di racconti di Riccardo Corsi. Hai senz’altro toccato punti "nodali" del suo lavoro, e l’autore (al quale comunicherò l’avvenuta recensione) ne sarà senz’altro felice.
Grazie davvero, e un affettuoso augurio e saluto dall’amica

Mariella

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.