LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliano Brenna
L���arte di correre

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Lautore nella postfazione avverte: Penso che il libro si possa catalogare nella categoria memorie. Non ha uno spessore tale da meritare la qualifica di biografia e nemmeno lo si pu definire un saggio. Un libro di memorie, dunque, e come il titolo afferma, sul correre, e pi precisamente correre i 42.195 metri della classica Maratona, o i 100.000 della stramaratona sino a giungere al Triathlon. Cosa ha a che fare tutto ci con lamato scrittore giapponese? Niente, se si osservano i personaggi dei suoi libri, che mi ricordi io, nessuno di loro corre una maratona, ma, leggendo questo memoriale, i legami invece si rivelano essere tantissimi, com inevitabile che sia, tra la vita di Murakami, i suoi personaggi e la maratona. Non essendo una biografia il libro inizia arbitrariamente ad un certo punto della vita del protagonista, cio quando egli decide di diventare scrittore e chiude il jazz bar che gestiva con la moglie, e qui i lettori di Murakami si illuminano, ah ecco perch vi tanta musica nei libri e un bel bar con buona musica lo si trova quasi sempre tra le pagine dei romanzi, (senza pensare al protagonista di A sud del confine, a ovest del sole). Dopo la chiusura del bar, Murakami, decide di praticare uno sport che gli consenta di restare in forma, non ingrassare e che pu praticare quasi dovunque: ecco che la corsa racchiude tutte queste caratteristiche. Cos il racconto di Murakami si snoda tra allenamenti, tentativi falliti o ben riusciti di portare a termine una maratona, e quindi tra difficolt, scoramento o gioia, secondo i risultati ottenuti. Ma facendo ci Murakami apre le porte del suo mondo, quello reale, ed i lettori fanno incetta di elementi che poi si ritrovano nei romanzi, soprattutto di tratti psicologici che sono propri dellautore e che egli spesso travasa nei protagonisti dei romanzi. Laltra grande ricchezza di questo libro che tra lallenamento costante e duro alla maratona, e lo scrivere c un legame fortissimo, lautore ci insegna che la costanza e lapplicazione unite al talento danno risultati duraturi e proteggono dalle brutte sorprese, sia nella corsa che nella scrittura, un buon progetto ragionato e delle mete da perseguire senza cedimenti fanno parte dellallenamento sulla strada e di quello alla tastiera, non lasciarsi andare quando ci si scoraggia e non adagiarsi di fronte ai successi sono qualit che il maratoneta e lo scrittore condividono. La disciplina fondamentale nel poter portare a termine una corsa di 42 (o 100) chilometri, e nel portare a termine un romanzo, magari gi chiaro nella mente ma che richiede lavoro e dedizione costanti per diventare un libro. Questo bel volume ha tanti bellissimi spunti di riflessioni e pacati insegnamenti che si possono applicare qualora si voglia diventare maratoneti, o scrittori, sono utilissimi nella vita quotidiana: la disciplina, la pazienza, lapplicazione; sono bei doni ma si possono anche coltivare se veramente si vuole perseguire una meta.
Il libro narrato con semplicit e chiarezza, con uno stile un po pi lineare o diaristico di quello che si trova abitualmente nei romanzi di Murakami, tuttavia la lettura assai affascinante e, sebbene nel suo corso non vi siano le sorprese cui lautore ci ha abituato, non manca una certa visione disincantata, ma profonda, sul mondo che ci circonda. Lautore con la sua capacit di osservazione, unita ad una particolare perspicacia, racconta fatti quotidiani, lasciando presagire che di essi si potrebbe anche dare unaltra interpretazione e molti possono essere un buono spunto per un racconto. Comunque il libro si basa totalmente su fatti reali e semplici ed molto bello nella sua semplicit, ci fa sentire lautore quasi un amico che ci racconta le sue vicissitudini col suo stile asciutto, rigoroso ed elegante. Nel capitolo dedicato al Triathlon tuttavia un dubbio si fa strada nella mente del lettore: se Murakami ha iniziato a correre quando ha iniziato a scrivere romanzi, ora che si dedicato al Triathlon che sorpresa ci riserver? Il volume pieno, come Murakami ci ha abituati, di riferimenti musicali, per cui si potrebbe anche mettere insieme una colonna sonora per la lettura, ed corredato da belle foto.

 Roberto Maggiani - 28/05/2010 11:18:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Quando si parla di arte, la vera arte, quella universale, oggettivamente bella, sublime, che ha il potere di mettere in pace, di elevare l’anima in uno stato di serena contemplazione di una realt multidimensionale, si tratti di un quadro, una fotografia, una scultura, una poesia, un racconto, un romanzo, una storia... non si pu non pensare al rigore, alla disciplina, alla pazienza e alla passione con cui stata realizzata... pi che all’ispirazione, poich molti hanno ispirazione, tutti, ma il "mestiere", oltre che da una dote artistica, deriva da disciplina e rigorosa applicazione. Ottima recensione, mi fa venire voglia di lavorare ancora di pi, e meglio, con pi rigorosa applicazione e disciplina, ai miei testi. L’indicazione, tra l’altro, viene da Murakami... candidato al nobel per la letteratura? Ma al di l del nobel, artista/scrittore riconosciuto ormai universalmente. Grazie Murakami dei tuoi consigli.

 Maria Musik - 23/05/2010 21:15:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

Aiuto: la disciplina, la pazienza, lapplicazione... non me ne voglia l’amico Giuliano ma, sono tre parole, che in questo momento mi fanno venire l’orticaria. Sono sicura sia un bel libro (mi fido molto di Brenna se si tratta di libri o di cucina) ma preferirei leggere un libro che inviti all’improvvisazione, alla trasgressione ed al carpe diem. Tanto per distrarmi dal disciplinato, pazientissimo e stoico quotidiano! ;-))

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.