LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliano Brenna
Kafka sulla spiaggia

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Un ragazzo di 15 anni, determinato e freddo come un adulto e che si fa chiamare Kafka, fugge di casa e, quasi senza sapere perché, da Tokio si dirige verso il sud del Giappone, spalleggiato da un ragazzo, che probabilmente è solo frutto della fantasia, chiamato Corvo. Nello stesso momento un anziano signore, con un’innocenza da fanciullo, fugge dallo stesso quartiere e si dirige, anch’egli senza sapere il perché, verso la stessa meta di Kafka. Il ragazzo fuggiasco se ne va dal padre che odia e che gli ha lanciato una maledizione molto simile a quella di Edipo, e dal ricordo della madre che lo ha abbandonato quando era fanciullo. Ad entrambi succederanno numerose avventure sul filo del reale e della fantasia, avvenimenti accadranno loro nella realtà, e altri in un’altra dimensione, forse onirica o forse parallela, tanto che spesso fatti che non hanno spiegazione hanno un perché nell’inspiegabile. Alla fine entrambi troveranno il loro destino ad attenderli e lo porteranno a compimento, anche a costo della vita, fino a chiudere una misteriosa porta che, lasciata aperta, aveva permesso alla dimensione fantastica di mischiarsi a quella reale. La ricerca dell’assoluto e dell’amore, spesso, è il motore che muove i personaggi, ma sarà il perdono a portare la pace nel cuore di essi e ad indicare la strada da seguire.
La trama è ricchissima di citazioni, a partire dai filosofi greci sino alla musica pop degli anni 70, ed è assolutamente avvincente, il libro assorbe il lettore sino a catapultarlo nella magica – ma assolutamente reale – dimensione in cui si svolgono le vicende. Murakami è sicuramente uno dei migliori scrittori di questi tempi, riesce a costruire un libro snello ma denso, mischiando moltissime cose diverse, spesso per magia parole o similitudini che sembrano usate per il gusto della metafora poi si collegano con altre parti della narrazione; le descrizioni dettagliate rendono tangibili le situazioni e le persone. Ritengo “Kafka sulla spiaggia” un libro da non perdere, soprattutto per tutti quelli che credono che da qualche parte ci sia una porta che ci permetta di esplorare dal di fuori l’interno dei nostri sogni.

 Basilio Romano - 01/04/2008 [ leggi altri commenti di Basilio Romano » ]

Anch’io, a questo punto sono curioso!

 paola - 31/03/2008 [ leggi altri commenti di paola » ]

prometto,lo leggo!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.