LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliano Brenna
La merenda dei bimbi (e degli adulti)

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Cari mamme e papà, i vostri pargoli (e anche voi, perché no?) per merenda si meritano sicuramente qualcosa di meglio che quelle insulse merendine prefabbricate e super-pubblicizzate (cioè quando le comprate pagate anche gli spot pubblicitari), per cui seguite questo bel consiglio:
fate bollire un litro di acqua con un chilo di zucchero, mezza arancia, un baccello di vaniglia, un pezzetto di cannella e un paio di chiodi (di garofano, ovviamente!!), e se l’avete qualche lampone. Nel frattempo sbucciate, tagliate a metà e detorsolate sei o sette mele, tipo golden (melinda, giusto per non fare nomi). Quando lo sciroppo ha densità sciroppo, mettetevi a cuocere le mele, facendo bollire dolcemente, le mele dovranno diventare appena morbide, quindi le togliete dallo sciroppo con la schiumarola (o come chiamate quell’arnese bucherellato) e le ponete su di un piatto. Lo sciroppo lo potete usare molte altre volte e per vari usi!! … Quindi non buttatelo via!!
Prendete una tortiera, se possibile di quelle col bordo rimovibile, imburratela bene e cospargetela di pangrattato. Quindi tagliate a fette da circa un centimetro le mele cotte, disponetele su di un vassoietto e cospargetele con una miscela di zucchero e cannella 5:1 (c’est à dire 5 cucchiai di zucchero e uno di cannella), coprite bene le mele con lo zucchero e disponetele bene bene sul fondo della tortiera.
Ora fate sciogliere 170 gr. di burro con 75 ml. di panna liquida e altrettanto di latte, la miscela dovrà essere sciolta ma fredda.
Mischiate a 227 gr. di farina tipo “0” (mi raccomando, non la 00, è importante!!), 12 gr di lievito per dolci, un cucchiaino da te di cannella in polvere, la stessa misura di cardamomo in polvere e altrettanto di sale, mischiate e setacciate, mettete da parte.
Ora montate ben bene 3 uova intere con 227 gr. di zucchero e una bustina di vanillina; a questo punto, con una spatola e molto dolcemente incorporate la farina tutta in una volta. Girate bene, senza sbattere, dal fondo verso l’alto, quando sarà amalgamata bene, unite il burro fuso, sempre molto molto – molto – dolcemente, finche sarà tutto ben omogeneo, ma non esagerate a mischiare altrimenti si fa un mattone o “impazzisce”.
Versate il composto ottenuto nella tortiera con le mele e infornate nel forno già caldo a 175° e lasciate 45 minuti; trascorso il tempo, lasciate la torta a raffreddare nel forno (contrariamente a quanto si dice di solito), quando la togliete dovrete conservarla con le mele verso il basso.
Si conserva avvolta nel domopack alcuni giorni, ma se la tenete in frigo è meglio scaldarla leggermente prima di mangiarla.
L’altro giorno l’ho fatta e mi sono dimenticato il lievito ed è venuta bene lo stesso…. Però se ve lo ricordate è molto meglio; a chi farà la torta meglio dirò la vera ed autentica ricetta per realizzare una perfetta Sacher!

 Sara - 18/05/2008 [ leggi altri commenti di Sara » ]

Grazie per questa ricetta...la proverò

 Roberto Maggiani - 11/05/2008 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

L’ho assaggiata e c’è da leccarsi i baffi...ma non per questo i bambini e le donne non possono mangiarla!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.