LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giuliano Brenna
Io e Proust

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Devo confessare che l’ossessione che colpisce il giovane protagonista di questo romanzo non mi è apparsa stravagante, né impossibile da succedere o, semplicemente, frutto di fantasia. Conosco molte persone per le quali il culto di un autore o di un’opera arriva a tingere di un solo colore l’intera loro esistenza senza che questi facciano nulla per arrestarne l’avanzata, anzi, se ne lasciano totalmente sommergere con la gioia di esserlo. E un autore sopra tutti è in grado di ammantare le esistenze dei suoi lettori, è Marcel Proust. I motivi naturalmente non si sanno, forse perché l’opera e la vita dell’autore sono fra loro simili ma non sovrapponibili, creando una magica galleria di specchi in cui chi ci si avventura finisce col perdersi e non uscirne mai più. O quasi.

Il giovane Jacques Bartel soccombe in tenera età al culto di Proust, sacrificandovi ogni altro piacere giovanile, sino a destare sgomento nei genitori, stupiti di tanta passione del giovane figlio verso uno sconosciuto ormai deceduto e addirittura omosessuale. Bartel regola la sua intera esistenza sul metronomo proustiano, fatto di letture, incontri, convegni, studi e articoli, sino a diventare studioso proustiano di professione. Ma il culto è tiranno e ad esso, Jacques, sacrifica ogni cosa, anche la fidanzata; solo quando il peso proustiano sembra schiacciarlo completamente egli, con un guizzo, se ne libera e scrive la sua opera, finalmente scevra di ogni traccia riconducibile a Marcel.

Il libro è molto godibile, scritto con accento spigliato e scorrevole. È denso di ironia, strappa più di un sorriso. A tratti ci si ritrova a pensare di aver fatto o detto qualcosa di molto simile, in qualche occasione, a quello che si sta leggendo. Insomma chi si sente proustiano si ritrova, almeno un po’, spettatore ma anche protagonista della storia.

Se guardiamo la trama, in filigrana cosa troviamo?

Un protagonista che vorrebbe fare un certo lavoro ma i risultati sono scadenti, se non assenti; una fidanzata infedele che dice le bugie sulle quali Jacques indaga e raccoglie anche involontariamente indizi; una madre abbastanza pressante con cui il protagonista farà una vacanza al mare; storie di prostituzione e, dulcis in fundo, dopo essere guarito dall’ossessione di fare una professione che si era rivelata sterile, improvvisamente, l’agnizione e la scrittura dell’opera, immaginiamo la medesima che stiamo terminando di leggere.

A quale libro appartengono i frammenti? Alla Recherche? Certo, ma anche a Io e Proust. Ecco l’arcano e la bellezza di questo romanzo. Pur con l’aria di raccontare tutt’altro, Uras, ci racconta pezzi di Recherche, in una sorta di caleidoscopico pastiche, che non riesce ad apparire né plagio né parodia, ma è un’opera totalmente nuova, sebbene scritta con materiale autenticamente proustiano. Geniale!

Concludendo; mi ero ripromesso di scrivere questa nota senza tirare in ballo Alain de Botton e c’ero quasi riuscito, ho messo il punto esclamativo, ed ho pensato: “Certo che Proust cambia davvero una vita!” In meglio…

 

 Franca Alaimo - 24/05/2015 18:10:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Già...Proust ammanta facilmente la vita. Quanto a me, ho una doppia febbre: una è appunto Proust, l’altra la Woolf; i soli autori di cui legga e rilegga le opere senza mai saziarmene.
Il libro, recensito con tale vivacità suasiva da Giuliano che vorresti correre subito in libreria a cercarlo, è di quelli che nessun lettore "sofferente" dovrebbe tralasciare, magari soltanto per sentirsi in compagnia, poiché si sa che un male condiviso è un mezzo gaudio.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.