LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Giusy Sturiale
Dramma umano di chi professa e ne rimane invischiato

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Tralci di vita, di questa vita sopraffatta dagli eventi e l'impossibilità a fronteggiarli tutti mi sovrastano, che fare? Non ho via di scampo, voglio finire quelle voci che non sanno più di niente, sono vicine e mi tormentano ogni giorno, vorrei resistere e forse a tratti sembro averle sconfitte e poi di nuovo a tempestarmi i timpani. Sembravano aiutarmi ed ora ne sono ossessionata, sembravano esserci, ed ora sono solo a farmi male, com' è possibile tutto quel bene che mi dicevano, andato in fumo ed io che ci muoio dentro. Oh com'era santo e giusto quell'uomo e i suoi seguaci, fede cristiana ad aiutarmi nei momenti tristi, bui e sofferti nella mia vita mortale, e poi all'improvviso il niente, solo perché non mi è sembrato giusto qualcosa, qualcuno e subito contro come fossi colei che più non può. Sarà che forse sbaglio, eppure non mi sembra, che ho fatto io per meritarmi questo, fedele ed osservante in ogni momento presente, e poi è questa la missione del mondo che ci crede?

 

Ed i pensieri miei marciscono, in questo sottobosco fatto di credo e di obbedienza, ad un'idea ma poi, è davvero quella, o solo di chi uomo si è fatto apostolo di un Dio forzando il suo volere? Ora non posso farcela, troppe e troppe ancora le voci mi ossessionano, sono sul punto di cadere e battere e voglio soltanto terminare le mie giornate e ore trascorse nell'attesa che possa finire io tra quelle mani sporche d'uomini ciechi di fronte alla vita e avidi solo di proseliti nel mondo come una tempo per affermarsi.

 

E allora che rimane di me che ho fatto e detto come hanno voluto, voglio morire non resta che quest'ultimo atto. Afferro adesso un'arma alla mia vista, voglio portare con me me stessa e quella figlia che ho messo al mondo con amore e loro se la vogliono rubare. Ecco qui affondo questa lama lucida, e poi ancora qui nel mio corpo, sento che sto svenendo, perché adesso mi vogliono salvare? No, no, vi prego, lasciateci morire, non un giorno in più voglio restare in questa vita che non mi ha dato niente, e voi che avete portato avanti quelle insegne d'amore, adesso comprendo il vostro bacio traditore. Lasciatemi morire, voglio il perdono da chi sopra di voi è solo Amore, voi inutili intermediari e poveri nell'animo, voi abbandono e ahimé so che farete ancora male. Che muoia adesso, non c'è più nulla da fare, eppure la mano di qualcuno adesso mi solleva, sento che sta portando in vita ciò che mi resta, cosa succederà adesso di noi, di me che ho ferito una bambina, mia figlia innocente, e me colpevole soltanto d'aver creduto in gesta umane?

 

 

 

 

 

Il mondo non è una punizione, ma una ricompensa

(Osho)

 

 

 

 

 

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.