LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Quin
Isles du vent

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

ISLES DU VENT

 

Nasci ed è con te che nasce il mondo

Qualcosa è vivo, solo questo sai

Dritta è la via ma intanto giri in tondo

Dal centro muovi i primi passi e vai

Tutto è nuovo, tutto è appetibile

Tahiti è là, potente e invincibile.

 

Distingui il mondo in questo e quello

Lo assaggi per tentativi ed errori

Chiami “male” il dolore, il bene “bello”

Incerto dentro dubiti del fuori.

Trovi un nome per l’indescrivibile

Tahiti pare forse il più plausibile.

 

I piedi in terra e la testa più in alto

Scopri il potere dell’essere vivo

Ciano il cielo il mare cobalto

Gialla la sabbia e tu argento vivo

Solo una cosa è certa e intellegibile:

Tahiti dovrà essere accessibile.

 

Ma sei un ponte di antichi sassi

E il tuo saltare al di là è incerto

Come completerai dei nuovi passi

Se il fuoco del tuo sguardo non è aperto?

Sugli occhi hai un velo impercettibile:

Così nascosta Tahiti è invisibile

 

La varietà dei fatti dà calore

Al tuo sentirti singolare al mondo

Guitto tra i tanti o tu lo spettatore?

Fra il tuo canto e l’orchestra in sottofondo

Oscilli eppure resti impassibile:

Tahiti è così tanto imprevedibile?

 

Nell’aria sono odori inusitati

Che vengono da un tempo in cui non eri

Sganciano molle che fino a ieri

Erano solo cavi non tesati.

Sei afflitto da un male inguaribile

Tahiti è splendida, e terribile.

 

Il tempo curva, il tempo t’innamora

Come una corda ti piega e ti annoda

Non scorderai facilmente quest’ora

Non c’è una fibra che non soffra e goda.

Accade a te, sembra incredibile:

Tahiti non sarà condivisibile?

 

Hanno il sapore dei sogni più strani

Il corpo che sorpassa ogni antefatto

I giochi degli sguardi e delle mani

Del gusto, della vista, dell’olfatto,

Ma lo sapevi, era concepibile:

Tahiti, è il comburente e il combustibile

 

Nemmeno cosa fosse ti chiedevi 

Se Siano linee dritte oppure cosa

Come lungo un’iperbole correvi,

Che fosse una parabola insidiosa

Soltanto poi ti è stato comprensibile:

Tahiti a volte sembra irraggiungibile.

 

Un nome vivo, un infausto accidente

Ma se l’eclissi sa il sole cancellare

Un’acqua limacciosa e opalescente

Non può in alcun modo intorbidare

Un mare dal calore percepibile:

Però Tahiti è ancora vivibile?

 

Non più che simulacri d’indigenza

Inferni o paradisi da riempire

Quelle parole: “intimità”, “accoglienza”

Che il vivere nel tempo sa sfoltire:

Alla mente comunque inattingibile

Solo col corpo Tahiti è conoscibile

 

Mentre la notte diventa infinita

Fra lampi bui di un tempo svuotato

Che ti ha scacciato al bordo della vita

Solo a guardare il presente da un lato

Come un attrezzo inusato e inservibile,

Oggi per te Tahiti è inagibile?

 

L’avevi letto in letteratura

O a colori sul bianco di schermi

Sapevi già che nessun sogno dura

E che non era un gioco per inermi

Cerchi una terra ancora percorribile

Ma Tahiti non è sostituibile

 

E ti racconti favole da poco

Melodrammi che incantano gli sciocchi,

Quasi una fede, molto più che un gioco

Qualcosa che non vedi e che non tocchi

Però lo sai – è un fatto imprescindibile

Che a Tahiti il mare è inesauribile

 

Il viaggio è lungo da Thule lontana

Il mare è un male per generazioni

Ma issati sulla coffa di mezzana

Gridiamo: “Terra” cantando canzoni

Se il nome vero è per ora indicibile

Tahiti ha un profilo inconfondibile

 

Che se è violenta ogni dittatura

E lascia segni che non vanno via

E l’euforia è contronatura

E la pace un istante di follia

Non c’è ferita che sia inguaribile

E Tahiti in questo è infallibile

 

Anche il calore è un fatto volontario

Dimentichi chi sei, e sai che siamo

Anche se tutto ti dice il contrario,

Come le gocce, a volte ci fondiamo

In un composto pur sempre scindibile:

Tahiti è qui, la senti è percepibile.

 

Nel caos che muove la materia inerte

Ogni bisogno è voglia ed espediente

Forme serrate diventano aperte

Ma mentre il nuovo muore e il vecchio è niente

Ci sono istanti di vita avvertibile

In cui Tahiti diventa possibile.

                                            QuinNov22

(Thanks, from mind and soul, to V. Woolf, for her “Tahiti becomes possible.” The waves. 1931)

 Quin - 19/11/2022 01:10:00 [ leggi altri commenti di Quin » ]

Siamo tutti apprendisti. Grazie Franca.

 Franca Colozzo - 18/11/2022 20:26:00 [ leggi altri commenti di Franca Colozzo » ]

Tahiti è come un’isola felice, irraggiungibile, forse solo in certi momenti essa diventa percorribile dalla nostra mente.
Scorrono i versi nella tua poesia, orchestrazione di note, e scivola il pensier mio verso i silenzi che un mondo diverso e più equo m’ispira.
Molto sentita questa tua poesia, aperta adesso per caso, perché ribadisco sempre che commento "random" salvo, a volte, soffermarmi a leggere qualche amico noto.
Poeta qui per caso, m’arrabatto a commentare come posso e 2.500 commenti ho superato, ma solo per crescere anch’io perché commentare - non laconicamente con una parola, tipo "bella" poesia - resta sempre un’arte da apprendere.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.