LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Roberto Mosi
E’ morta la poesia nella Valle dell’Inferno

- Se sei un utente registrato il tuo commento sar subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sar letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sar inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo pi veloce per commentare quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, possibile che tu abbia gi impostato tale servizio: [ autenticati ]
Non possibile visualizzare il testo perch un file in formato pdf, doc o rtf

 Ferdinando Battaglia - 25/02/2018 18:17:00 [ leggi altri commenti di Ferdinando Battaglia » ]

Il testo ha un valore fortemente politico e culturale ovvero portatore di una visione culturale, lontana da quella che, rompendo l’equilibrio tra amore erotico e morte, arriva a deturpare l’impronta originaria naturale, devastandola con la manipolazione antropica e tecnologica, anche quando non necessaria (quei pochi minuti sono un chiodo confitto nella carne viva della Terra), per rispondere agli interessi finanziari di pochi, riducendo alla narcosi della coscienza o reprimendo con la maschera della legge (ma qual’ la classe economica che legifera?), fino all’uso della forza, il legittimo dissenso popolare.
Testo di denuncia, scritto con l’accorata voce di chi possiede sapienza intellettuale e del cuore.

 Arcangelo Galante - 25/02/2018 17:57:00 [ leggi altri commenti di Arcangelo Galante » ]

Quell’amarezza che traspare dallo scritto, in merito al tema trattato dall’autore, sembra un’immagine disarmante e, simultaneamente, toccante.
Il messaggio, significativo, evidenziato nel testo, parla di una verit culturale, forse, insita proprio nell’umana debolezza, scaturita non solamente da una reciproca incomprensione, ma, bens, soprattutto da quanti si lasciano fuorviare da convinzioni, che andrebbero rivisitate.
Malinconica pubblicazione, ben articolata nel suo incisivo sviluppo.
Un contenuto altamente tagliente, rivelatore del legittimo sfogo del poeta!

 Loredana Savelli - 04/10/2011 22:01:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

Hai fatto bene a parlarne in questi termini, perch non possiamo disgiungere la natura dalla cultura. Condivido la tua mortificazione.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verr data la possibilit all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignit dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sar tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potr essere anche negativo ma non dovr entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno pu sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sar memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potr essere messo a disposizione dell'autorit giudiziaria.