LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Rosetta Sacchi
Poi non so se sarà Primavera

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Stono note picchiando il pianoforte

graffi sulla pelle mentre attende piume

pungoli sul vetro scalfitture della pioggia

fiamme e gelo narrano di incontri dissolti

 

tra nostalgia e rimpianto una crepa fiorita

guarderò la luce dai candelotti appuntiti

quando sarà tutto bianco il grigio asfalto.

Poi non so se sarà Primavera.

 

Forse al primo chiurlo rincorso tra i rami ignudi.

 Dedalus - 26/01/2021 20:56:00 [ leggi altri commenti di Dedalus » ]

Versi da cui emerge uno stato di instabilità che ci viene fatta percepire attraverso moduli inconsueti come se fossero passati attraverso uno spiraglio per una maggiore nitidezza. La lirica esterna con termini che metaforizzano, e questa è stata sempre la sua tendenza nel verseggiare, uno stato di malessere, un dileguarsi di aspettative, accompagnato dal grigiore dell’inverno; un grigiore che mette in dubbio il possibile anche ritorno di una primavera, primavera vista come speranze nel futuro "quando sarà tutto bianco il grigio asfalto/Poi non so se sarà Primavera", per poi aprire (anche se con un forse) quella fessura, da cui s’intravede tutto il gelo dell’anima, alla speranza, di cui dianzi, nell’ultimo verso "Forse al primo chiurlo rincorso tra i rami ignudi". Molto bella.

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.