LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Mariangela Nonanta
Il sentiero della vita

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Ricordo:ero BAMBINA

Saltavo senza prendere fiato

per beccheggiare

succosi acini  d'uva

pendenti da un magnifico pergolato

ed il sogno dell'infanzia è sfumato...

Ricordo:

Quando Fanciulla

DONNA, volevo, anzitempo diventare

e m'imbellettavo per conquistare...

Rimembro i miei vent'anni

un mazzo di rose ed il mio primo amore

in mezzo agli affanni , uno splendido batticuore!

Ricordo:

Un velo Azzurro da Sposa

di felicità, una nuvola rosa

un cuore ingenuo, tradito,

mentre mio padre piangeva e

il sacerdote m'infilava l'anello nuziale al dito.

Ricordo  i miei trent'anni

i battibecchi ed i litigi

e poi la separazione

ed intanto entravo in un'altra dimensione!

Mi sentivo avvilita

salivo sul cavalcavia

ed intendevo farla finita

Piangevo e pregavo.Pregavo e piangevo

nasceva  uno sconosciuto dolcissimo sollievo

ed intanto IO CRESCEVO

nell'AMORE

e quando mio padre 

al cielo salì

provai un'immenso dolore

da togliere il fiato 

il tempo della giovinezza 

se ne era andato...

Il SIGNORE DELLA VITYA

mi regalò una goia infinita:

mi ritrovai con un enorme pancione

ed una nuova bellissima emozione

una piccola FIGLIA mi nacque

e tra le braccia calde di mamma 

Giacque.

E tutto cambia, anche se non vuoi

Non sono affari tuoi,

sono le leggi del CREATO

ci stanno sottoposti  tutti

belli e brutti!

Ora ti guardo, sei già una signorinetta

il Signore Tempo è trascorso troppo in fretta

tra poco te ne andarai

per LA TUA VITA

leggiadre equilibrista tu sarai

ti PREGO, no, non scordarmi MAI

Portati appresso questo mio vecchio cuore di mamma

tienimi la mano, quando il regno delle ombre mi vorrà

t'amerò sempre , da qui all'eternità!

 

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.