LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di SilviaDeAngeliss
Quei giorni

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

 

Indubbiamente negli ultimi anni, siamo stati sottoposti a dure prove emotive, per tutti gli eventi non piacevoli, che ci hanno visto interpreti di prove difficili.

A volte ci sentiamo dei veri e propri leoni, in grado di superare tutto, e di andare avanti con energia; altri giorni uno stato di “non reazione” e abbattimento, si impossessa del nostro io, facendolo diventare

piccolissimo, e fuori d’una realtà vivibile.

Tutti abbiamo degli altalenanti stati d’animo, dovuti a una serie infinita di fattori. Anche il tempo, col suo cromatismo, influisce sul nostro umore.

Ci riguarda molto da vicino la situazione lavorativa che stiamo vivendo, la nostra buona salute e quella dei nostri cari, il nostro “stato di felicità” del momento. L’insieme di questi fattori dà un risultato

finale, che non sempre è ottimale, per la nostra personalità, e allora districarsi nel quotidiano diventa una vera e propria impresa, non sempre vincibile da parte nostra.

Eppure in quest’epoca abbiamo tantissima tecnologia, che in ogni istante del giorno contribuisce a distrarci, e a rendere meno pesante, qualsiasi problema. Siamo davvero incontentabili, e abituati ad avere tantissime cose, dandole, purtroppo, per scontate.

Bisognerebbe imparare ad apprezzare, e gioire, di ogni piccola cosa della vita, pensando che non ci è dovuta, ma che siamo fortunatissimi ad averla e vale tantissimo!

Ma essere incontentabili e pretendere sempre di più, è un fatto insito nel genere umano… del resto se così non fosse, molte scoperte, a qualsiasi livello, sarebbero ignorate, e quindi ben venga la voglia di andare avanti superando qualsiasi ostacolo.

@Silvia De Angelis

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.