LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Roberto Maggiani
I rifugi dell’essere

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Questa raccolta di poesie colpisce per la sua essenzialità, per l’asciuttezza dei versi che, scarni, insistono sulla luce, sugli orizzonti, sui deserti, sull’essere, sul tempo, sull’amore. Fulminea, l’autrice, percorre spazi di silenzi. V’è solo il fruscio lieve della sua parola in versi che aleggia, dolce e un po’ misteriosa, incalzante come una rapsodia, verso orizzonti di salvezza: “Fulminei bagliori di me / solcano l’orizzonte, / mentre vegliano stanche le ore. / E dolcemente assaporo / l’essenza dei miei palpiti, / accesa / del fluire della vita”.
Vi sono parole, sensazioni, argomenti sui quali l’autrice insiste in maniera decisa, sicuramente voluta, pagina dopo pagina si ha la sensazione di leggere sempre la medesima poesia che si dilata ed espande fino a lambire, poi avvolgere e scongelare, i significati celati nel cuore, rifugio dell’essere, verso il quale essa conduce il tu che gli spetta dalla vita, quello stesso per cui freme nell’attesa (“Ha il sapore prezioso / di fragole non ancora colte, / il languore galoppante / di allettanti porte socchiuse, / il tepore di lunghi brividi / preludio di carezze d’amore / e mi morde / dolcemente / inesorabilmente dentro; / l’attesa di te.”) e con il quale intreccia i suoi passi “lungo il sentiero dell’essere”, è quel tu unico e destinato a entrare nel luogo dove abitano il suo nome e i suoi occhi, a cui chiede fin dall’inizio “[…] / parole scrivimi accorte / sulle pareti del cuore”.
E’ interessante notare come, insistentemente, si trovi, in gran parte delle poesie, un accenno al tempo, al quale associa parole che lo connotano in modo, di volta in volta, diverso, come se esso fosse il gran nemico sotto il quale si sfalda l’esistenza ma dal quale il poeta ha trovato scampo nel rifugio dell’essere, verso cui conduce la propria e, forse, anche l’altrui esistenza. Il tempo lascia solchi profondi, spezza sillabe, riannodate dallo sguardo di un volto amato; il tempo ha anche rari silenzi, pause, dove avvengono incontri; il tempo ha pieghe anguste dalle quali sgusciano, di nascosto, frammenti della vita che si ricompongono fuori dalla sua morsa; il tempo incalza e non dà tregua; il tempo, nelle notti, ha forme sfumate e con le quali l’anima bambina gioca; il tempo è un crocevia dove le cose si annodano in modo irrisolvibile; infine il tempo rapisce i volti amati, ma esso nulla può nel rifugio dell’essere, luogo atemporale, dove tali volti hanno il loro respiro vitale.

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.