LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Roberto Maggiani
Omofobia

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]

Avanza nella notte

facendo rimpiangere alle creature

di essere nate così diverse tra loro
con quella chiarità di ragione che rende il corpo
uno stato di diritto e non etico.
Avanza in pieno giorno, uccide,
ma sui pavimenti dei templi antichi
s’innalzano le colonne
di una universale fede d’amore.


(È saggio diffidare dall’omofobo: Tendono all’omofobia le personalità autoritarie, rigide e insicure, che si sentono minacciate dal diverso da sé. Alti livelli di omofobia sono stati riscontrati anche in persone in lotta con una forte omosessualità latente o repressa.)


[ Tratta da "L'ombra di Creso", LaRecherche.it, 2010, eBook liberamente scaricabile ]

 Roberto Maggiani - 23/05/2011 17:07:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

...E grazie a Lorena ed Eugenio, amici cari che apprezzo anche per la loro altissima libertà intellettuale e pratica.

 Eugenio Nastasi - 22/05/2011 11:07:00 [ leggi altri commenti di Eugenio Nastasi » ]

La poesia di Roberto Maggiani, "Omofobia" ancora una volta invita al dialogo, alla comprensione, alla revisione divenuta obbligatoria, negli svariati ambiti dello scibile e della vita di tutti i giorni, del concetto di "normalità". Alla fine ci si chiede: "che cos’è la normalità" e chi può arrogarsi il compito di frapporre paletti moralistici su questioni che investono i "diritti fondamentali" nella loro universalità e indisponibilità.
Poniamoci la domanda: quando si dice "diverso" in riferimento alla distinzione tra eterosessuali e omosessuali ci riferiamo alla "distinzione" o all’"opposizione"? Il vero significato della democratica laicità di una "governace" dovrebbe consistere semplicemente nel collocarsi a quell’altezza di piano in cui le distinte visioni dell’eterosessuale e dell’omosessuale possano semplicemente e razionalmente dialogare. Se lo Stato "tollera" la diversità sessuale, in realtà pensa questa categoria in termini di "opposizione" allora ha già compiuto uno strappo alla Costituzione, è già dittatura.

Allargando la tematica, se Roberto lo consente, vorrei che si cominciasse a guardare alla problematica, così garbatamente posta in essere dalla sua poesia, con occhi e mente più aperti,riportando i versi di una lirica "Falsa indicazione" di Caproni, tratta da "Il muro della terra":
"Confine", diceva il cartello./Cercai la dogana. Non c’era./Non vidi, dietro il cancello,/ombra di terra straniera".

 Lorena Turri - 20/05/2011 12:30:00 [ leggi altri commenti di Lorena Turri » ]

Il rispetto della Persona innanzitutto.
L’Amore guarda negli occhi, non dentro le mutande... quando lo capiranno questo?
Caro Roberto, sei voce sensibile e sensibilazzante. Speriamo serva davvero anche a questo la Poesia.
Ti abbraccio così come abbraccio la tua giusta causa!

 Roberto Maggiani - 18/05/2011 16:38:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Care Amiche e cari Amici, grazie per i vostri graditissimi commenti, ma soprattutto perché i vostri interventi rincuorano, perché ci ricordano l’un l’altra che siamo sempre e ancora insieme in cordata verso la giustizia e la pace che hanno come fondamento i pari diritti per ogni persona e la loro tutela democratica. Un caro saluto a tutti.

 leopoldo attolico - 18/05/2011 13:21:00 [ leggi altri commenti di leopoldo attolico » ]

E’ talmente alta la dose di segatura introdotta nel cervello degli italiani da diciotto anni di TV , che tentare di esorcizzarla e riconvertirla in "umano" comprendonio appare impresa immane .
Lega padana in testa , hanno colonizzato le coscienze alimentando la paura del "diverso" in tutte le sue espressioni , complice la chiesa cattolica ( gente che con l’insegnamento di Gesù Cristo non ha niente a che spartire ) , col bel risultato di formare una opinione pubblica - anche negli strati più moderati - omofofa e razzista della peggior specie .
Sta a noi tirar fuori le unghie dell’"umano" a difesa di quanto ancora ne rimane in questa italietta che sì e no lo percepisce come prurito buono per gli ingenui .

- Con i complimenti per il nostro Roberto in gamba come al solito .

 domenico vuoto - 18/05/2011 11:39:00 [ leggi altri commenti di domenico vuoto » ]

Caro Roberto,
mi pare che lei abbia una decisa inclinazione per la poesia civile e di denuncia che sa rendere con freschezza di parola e disarmante - nella sua accezione letterale - passione civica.
La saluto con affetto e stima,
domenico.

 Roberto Perrino - 18/05/2011 10:27:00 [ leggi altri commenti di Roberto Perrino » ]

Sia benedetta la Persona, siano benedette le Persone!
In una civiltà avanzata dovremmo tutti adottare il motto di Terenzio
"nihil humani a me alienum puto"

 Liliana Ugolini - 18/05/2011 05:13:00 [ leggi altri commenti di Liliana Ugolini » ]

Caro Roberto, sempre attento alle grandi tematiche e sempre pronto a rilevarle e a combatterle con la poesia facendo di questo mezzo una rinnovata forza di sociale denuncia e di soluzione nell’umano amore per l’altro. Grazie.

 annamaria ferramosca - 17/05/2011 22:23:00 [ leggi altri commenti di annamaria ferramosca » ]

Versi incisivi, i tuoi, Roberto,che fanno della parola po-etica una testimonianza bellissima e densa in difesa di un diritto inalienabile. Cui chi si dice poeta non può sottrarsi.
Annamaria Ferramosca

 Mariella Bettarini - 17/05/2011 19:36:00 [ leggi altri commenti di Mariella Bettarini » ]

Carissimo Roberto, grazie per questa tua po-etica, umanissima, necessaria (anzi indispensabile!) testimonianza in nome di una "universale fede d’amore" e ad alto monito contro una delle "fobie" più malsane e tremende.
Per fortuna, tuttavia, non si può veramente uccidere l’amore. E’ questo che, infine, conta e "vince" senza alcuna violenza.
Grazie di avercelo ricordato. Con tanta stima e affetto,
Mariella

 Franca Alaimo - 17/05/2011 18:19:00 [ leggi altri commenti di Franca Alaimo » ]

Contro tutte le fobie l’unica legge è quella dell’amore che è cieco perchè non tiene conto degli sciocchi schemi e recinti costruiti dall’uomo. L’amore non separa, mi piace affermare quando ne parlo aglialtri. "L’amore non giudica" si legge nella bellissima lettera di San Paolo sulla caritas, cioè sull’amore come dono e grazia, sempre. Roberto è un uomo di caritas; lo dimostra con la sua scrittura, certamente, ma soprattutto con l’essere ciò che è.

 wolf - 17/05/2011 17:56:00 [ leggi altri commenti di wolf » ]

bravo Roberto, saggia poesia!

 Michela Zanarella - 17/05/2011 17:27:00 [ leggi altri commenti di Michela Zanarella » ]

Complimenti Roberto, ho letto la tua poesia con piacere. Hai saputo affrontare un tema considerato "complesso" con versi di spessore.

 Alfonso Lentini - 17/05/2011 17:19:00 [ leggi altri commenti di Alfonso Lentini » ]

Grazie!
Alfonso Lentini

 Roberto Maggiani - 17/05/2011 15:34:00 [ leggi altri commenti di Roberto Maggiani » ]

Vi seguo... siete le mie Muse tutelari... Un abbraccio.

 Loredana Savelli - 17/05/2011 08:22:00 [ leggi altri commenti di Loredana Savelli » ]

La parola chiave mi sembra fede. Su questa incondizionata resa all’amore non c’è fobia che tenga.
Un saluto

 Maria Musik - 17/05/2011 07:09:00 [ leggi altri commenti di Maria Musik » ]

La poesia è bellissima e mi induce ad esternare una riflessione che, spero, non riduca la profondità del suo messaggio. Con il termine fobia si indicano stati patologici della psiche. E, per alcuni soggetti, questa irrazionale paura del diverso da sè è sicuramente una patologia. Ma quello a cui stiamo assistendo non ha nulla a che vedere con l’inconscio o con le paure: è violenza alimentata, organizzata ed agita con il preciso scopo di tutelare e rafforzare il proprio potere, creando ed alimentando "poli" di aggregazione di consenso. Poco importa se ciò condurrà alla violenza ed alla prevaricazione, anzi, meglio: una "chance" in più per dare dimostrazione della propria capacità di "condurre" con mano ferma e sicura. E questa non è omofobia ma "omocidio" e, se dilaga, "omoeccidio". Cosa è stato detto alla On. Concia, aggredita perchè passeggiava tenendo per mano la sua compagna: "... dovrebbero bruciarvi nei forni!". Teorema dimostrato!

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.