LaRecherche.it

« indietro :: torna al testo senza commentare

Scrivi un commento al testo di Stelvio Di Spigno
Estate

- Se sei un utente registrato il tuo commento sarà subito visibile, basta che tu lo scriva dopo esserti autenticato.
- Se sei un utente non registrato riceverai una e-mail all'indirizzo che devi obbligatoriamente indicare nell'apposito campo sottostante, cliccando su un link apposito, presente all'interno della e-mail, dovrai richiedere/autorizzare la pubblicazione del commento; il quale sarà letto dalla Redazione e messo in pubblicazione solo se ritenuto pertinente, potranno passare alcuni giorni. Sarà inviato un avviso di pubblicazione all'e-mail del commentatore.
Il modo più veloce per commentare è quello di registrarsi e autenticarsi.
Gentili commentatori, è possibile impostare, dal pannello utente, al quale si accede tramite autenticazione, l'opzione di ricezione di una e-mail di avviso, all'indirizzo registrato, quando qualcuno commenta un testo anche da te commentato, tale servizio funziona solo se firmi i tuoi commenti con lo stesso nominativo con cui sei registrato: [ imposta ora ]. Questo messaggio appare se non sei autenticato, è possibile che tu abbia già impostato tale servizio: [ autenticati ]
Da "Mattinale", Caramanica, Marina di Minturno (Lt), 2006


I

La città d’astri è un fiore di palude -
Quando al caldo si specchiava un puntale
di luna alle vetrate attorno al porto,
l’anima riprendeva i propri tratti
nel metronomo diaccio delle ore,
- e a strappi - nella strige del metrò
si riaddensava un fumo tropicale:
l’immagine dell’orto e la galassia
fuori dal tempo e calda di tormento.
Coi calanchi che spinano la vita,
pesava anche la ruggine e lo smalto
dei fari che muggivano tra i moli,
e al centro del sentiero un solo passo
riusciva a smuovere l’afa gelata...

II

...il tuo - vedevo in fondo al rumorio
la lingua, il masso, il breve ammonimento
che la strada mutuata dai passanti
portava all’occhio curvo nel suo orrore:
una bruma d’infanzia - o il suo fumento -
disperdere la furia del minuto
nel ciottolo più basso ormai del piede
che al bambino mancava per restare;
la porta spalancata poi la discesa
a un dedalo di camere remote,
le forze ormai sepolte dentro il cavo
errante del lucchetto. E tu porgevi
la guancia a quel divino mutamento...

III

Ed ora il desiderio è più minuto,
più in bilico il balcone sui bastioni
suburbani, dove s’annienta il sole:
aspetto fuga dritto verso i campi
della carraia prima del motore.
Mentre rigiri ogni assalto, ogni moto,
città che il vespro cala in una voce
che non è d’astri, ma rullo di contrada
che sa di farsi errore quando è sola.
E mai danno riposo agli autocarri,
che forano il fumo inabitato,
il basalto e il guaiolare dei cani.
Mentre il cuore non sa se contraddire
la curva che lo muta ad ogni istante,
non so se e come arrendermi o sparire.

Nessun commento

Leggi l'informativa riguardo al trattamento dei dati personali
(D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 e succ. mod.) »
Acconsento Non acconsento
Se ti autentichi il nominativo e la posta elettronica vengono inseriti in automatico.
Nominativo (obbligatorio):
Posta elettronica (obbligatoria):
Inserendo la tua posta elettronica verrà data la possibilità all'autore del testo commentato di risponderti.

Ogni commento ritenuto offensivo e, in ogni caso, lesivo della dignità dell'autore del testo commentato, a insindacabile giudizio de LaRecherche.it, sarà tolto dalla pubblicazione, senza l'obbligo di questa di darne comunicazione al commentatore. Gli autori possono richiedere che un commento venga rimosso, ma tale richiesta non implica la rimozione del commento, il quale potrà essere anche negativo ma non dovrà entrare nella sfera privata della vita dell'autore, commenti che usano parolacce in modo offensivo saranno tolti dalla pubblicazione. Il Moderatore de LaRecehrche.it controlla i commenti, ma essendo molti qualcuno può sfuggire, si richiede pertanto la collaborazione di tutti per una eventuale segnalazione (moderatore@larecherche.it).
Il tuo indirizzo Ip sarà memorizzato, in caso di utilizzo indebito di questo servizio potrà essere messo a disposizione dell'autorità giudiziaria.